Home Homebrew Il developer SiSTR0 copia la repository di astrelsky e modifica il PoC...

Il developer SiSTR0 copia la repository di astrelsky e modifica il PoC libhijacker rendendolo compilabile con Linux

261
0

Lo sviluppatore SiSTR0 ha recentemente preso in considerazione il Proof-of-Concept (PoC) rilasciato da astrelsky e ha apportato modifiche significative, rendendolo compilabile con il sistema operativo Linux.

Questo permette agli appassionati del SO Linux di sperimentare e contribuire allo sviluppo di applicazioni homebrew sulla console PlayStation 5.

Il PoC originale sviluppato da astrelsky utilizza Redis come parte del suo processo. Redis, essendo un sistema di memorizzazione e caching dei dati in memoria, viene sfruttato in questo caso specifico per creare un processo “daemon” separato dallo stack utilizzato sulla console PS5.

Questo processo “daemon” viene generato tramite il server Redis in esecuzione sulla console e viene dedicato all’esecuzione dell’applicazione homebrew.

L’utilizzo di Redis in questo contesto consente di creare un ambiente separato e isolato per l’esecuzione dell’applicazione homebrew, evitando interferenze con altri processi o stack di sistema.

SiSTR0 ha riconosciuto il potenziale di questo PoC e ha deciso di adattarlo per renderlo compilabile su Linux, aprendo le porte a un pubblico più ampio di sviluppatori che preferiscono questo sistema operativo.

Questa modifica di SiSTR0 rappresenta un passo significativo verso la creazione di un ambiente di sviluppo più accessibile e aperto per gli sviluppatori di Linux interessati a creare applicazioni homebrew per la console PS5.

Con l’aggiunta di questa versione compilabile per Linux, la scena homebrew sulla console PS5 potrebbe ricevere un ulteriore impulso, consentendo agli sviluppatori di esplorare e creare nuove applicazioni, migliorando così l’esperienza di gioco sulla console.

Mentre SiSTR0 continua a lavorare sulla modifica del PoC, gli appassionati e gli sviluppatori possono accedere alla repository, scaricare il codice sorgente e iniziare a esplorare le potenzialità offerte dalla modifica del PoC per Linux.

Fonte: github.com