Home Homebrew La licenza per SX OS è stata compromessa, ora è possibile...

[Scena Switch] La licenza per SX OS è stata compromessa, ora è possibile eseguire liberamente il sistema operativo su console Switch

345
3

L’utilizzo del sistema operativo SX OS su console Nintendo Switch è soggetta all’attivazione di una licenza, questa tuttavia non può essere più attivata dopo l’arresto dei tre leader a capo del team Xecuter.

 

Pur avendo a disposizione il file license-request.dat, acquistata da terzi, questa deve essere attivata online, un problema non da poco dato che tutti i server del team Xecuter sono stati oscurati.

Molti utenti si staranno chiedendo il perché utilizzare un sistema a pagamento come SX OS rispetto ad un Custom Firmware totalmente gratuito e open source come Atmosphère? La risposta è semplice e riguarda il supporto per i file XCI.

Un utente conosciuto come Reacher17 è riuscito ad hackerare la licenza attraverso una sorta di spoof. Fondamentalmente, si cerca di individuare l’indirizzo di memoria dell’impronta digitale che identifica ogni Switch prima che questa venga individuata dal TX. In gergo si gioca di anticipo.

Guida

  • Scaricare i file boot.dat, license.dat e romenu.nro da questo indirizzo (abbiamo sostituito il collegamento in quanto il sito di file hosting zippyshare è bloccato dall’Italia).
  • Estrarre l’archivio PackSX.rar sul PC.
  • Copiare i file boot.dat e license.dat nella directory principale della scheda SD.
  • Copiare il file rommenu.nro nella cartella /switch della scheda SD.
  • Iniettare il payload SX OS con uno dei tanti programmi ad oggi disponibili, aprire l’album tenendo premuto il pulsante per eseguire il Rommenu, da qui sarà possibile utilizzare tutte le funzioni presenti in SX OS.

Download: PackSX

Fonte: yyoossk.blogspot.com

Articolo precedente[Scena PS Vita] Al via il nuovo contest KyûHEN con in palio ricchi premi
Articolo successivoMicrosoft annuncia i Games with Gold di aprile per Xbox 360 e Xbox One
Sono Nato nel 1980 e da diversi anni coltivo la passione per tutto ciò che riguarda il mondo dei videogiochi, ho vissuto l'era degli home computer con il Commodore 64 e l'Amiga 500, da sempre appassionato di giochi di ruolo e di titoli di avventura.