Home Mobile Android Rilasciato retroArch v1.7.8

Rilasciato retroArch v1.7.8

385
0

Il frontend retroArch si aggiorna alla versione 1.7.8 dopo una prima build per dispositivi Android pubblicata proprio nelle scorse ore su Google Play Store.

Questa nuova versione introduce l’attesissimo servizio OCR (Optical Character Recognition) e Text To Speech, utile per tradurre i giochi o aggiungere funzionalità di voice over automatizzate in tempo reale, invece di applicare patch alle ROM.

Per utilizzare il nuovo servizio AI basta impostare l’indirizzo URL del server (potrebbe essere un indirizzo di rete locale se il server è attivo e funzionante nella tua rete o un indirizzo IP/URL pubblico nel caso in cui tu stia passando attraverso un servizio) e associare un pulsante o una chiave alla cosiddetta azione “AI Service”.

Per poter scegliere e associare un pulsante o una chiave, andare su: Impostazioni > Input > Tasti di scelta rapida.

Il video poco sopra mostra le due diverse modalità, Speech Mode e Image Mode:

  • Speech Mode – Premendo il pulsante AI Service, viene eseguita una rapida scansione del testo e il testo riconosciuto viene quindi tradotto in sintesi vocale. Puoi premere il pulsante AI Service in qualsiasi momento e il servizio tenterà di elaborare l’istantanea corrente. Questa modalità non può essere interrotta, questo significa che il gioco continuerà a funzionare quando si preme questo pulsante e il discorso di output impiegherà il tempo necessario affinché il server risponda alla query e instradi il suono su RetroArch.
  • Image Mode – In Image Mode, il servizio tenterà di sostituire il testo sullo schermo con il testo di output. Ad esempio, nel video che vedi sopra, il gioco viene eseguito in giapponese, quindi quando premiamo il pulsante AI Service, il servizio tenterà di sostituire il testo giapponese con il testo tradotto in inglese. Questa modalità può essere interrotta – questo significa che quando si preme il pulsante AI Service, il gioco entrerà in pausa mostrando un’immagine con il testo sostituito FINO a quando premi il tasto di scelta rapida Ai Service o il tasto di scelta rapida Pause.

RetroArch Disc Project

Il frontend retroArch su PC Windows e Linux ora include una nuova funzionalità conosciuta come Real CD-ROM. Anche se non ancora completa, le prestazioni potrebbero variare a seconda dell’unità e del sistema operativo in esecuzione.

Attualmente Linux offre la miglior esperienza mostrandosi il più raffinato tra le due piattaforme, e le prestazioni e l’affidabilità sono migliori al momento.

I seguenti core sono stati aggiornati con il supporto fisico del CD-ROM:

  • Genesis Plus GX.
  • Mednafen/Beetle PSX.
  • Mednafen/Beetle Saturn.
  • Mednafen/Beetle PCE/Fast.
  • 4DO.

Opzioni core migliorate

Un grande difetto delle API Libretro era la mancanza di qualsiasi supporto per l’internazionalizzazione, o anche solo un modo sano di aggiungere un valore predefinito senza che fosse il primo in un elenco sequenziale.

Nuove opzioni principali: Etichette secondarie, supporto per la localizzazione, nascondigli selettivi, ecc..

Libretro e RetroArch ora promuovono il supporto per le opzioni dei core avanzati. Le opzioni principali ora possono avere etichette secondarie e possono essere tradotte teoricamente in ogni singola lingua.

Le opzioni principali possono anche essere mostrate e/o nascoste ora. Diversi core hanno già ricevuto una traduzione in turco delle loro opzioni.

Selezione del dispositivo audio (Windows)

Ora è possibile scegliere tra i dispositivi audio disponibili con i driver XAudio2/DirectSound/WASAPI. Puoi farlo andando su Impostazioni -> Audio e premendo sinistra e/o destra. Puoi anche impostare audio_device nel file di configurazione sull’indice del dispositivo o sul suo nome reale.

Controlli Lightgun multi-touch (Android/iOS)

In iOS e Android, è possibile utilizzare le dita della mano per simulare una pistola, e non solo, il frontend retroArch ora supporta anche il multi-touch!

Quello che vedi qui in questo video è una dimostrazione di tutti i core che includono il supporto per questa nuova funzionalità. Il dispositivo utilizzato qui è un iPhone XS Max ed è abbastanza potente da far funzionare anche Mednafen/Beetle Saturn!

Di seguito un elenco dei core finora supportati da questo (insieme ai sistemi che lo supportano):

  1. NES/Famicom (FCEUmm).
  2. Super Nintendo/Super Famicom (Snes9x).
  3. Sega Master System (Genesis Plus GX).
  4. Sega Megadrive/Genesis (Genesis Plus GX).
  5. Sony Playstation (Mednafen/Beetle PSX).
  6. Sega Saturn (Mednafen/Beetle Saturn) 7th Arcade (MAME).

Playlist Thumbnails Updater

Questo PR aggiunge una nuova voce al programma di aggiornamento online: Playlist Thumbnails Updater

Questa voce apre un menu che mostra tutte le playlist esistenti. Quando ne viene selezionato uno, ciascuna voce della playlist viene scansionata e tutte le anteprime mancanti vengono scaricate.

Questa è un’alternativa più leggera all’utilizzo degli enormi archivi .zip in miniatura e dovrebbe funzionare su console ecc.. Con RAM limitata (consente inoltre di risparmiare spazio su disco, perché si scarica solo ciò che si utilizza).

Download delle miniature su richiesta

Questa funzione ridimensiona automaticamente le miniature di un gioco quando l’utente ci passa sopra all’interno di una playlist, è possibile abilitare questa opzione in Aggiornamento online e/o Impostazioni > Rete.

[stextbox id=’info’]Nota: Questa funzione è disabilitata per impostazione predefinita poiché fa una richiesta HTTP per ogni voce della playlist che non ha già le anteprime installate.[/stextbox]

Modifiche all’usabilità dello shader

Sono state apportate diverse modifiche interessanti agli shader e al menu shader che è stato un po’ riordinato, tutte le opzioni di salvataggio ora compaiono all’interno del sottomenu “Salva” e sono state aggiunte nuove opzioni “Rimuovi” per i preset di caricamento automatico.

C’è una nuova opzione per un predefinito di caricamento automatico “globale” che, come puoi immaginare, si applica a tutto il contenuto caricato.

Gli shader venivano effettivamente salvate automaticamente una volta caricate nel menu shader. Ciò ha avuto molti inconvenienti, ad esempio, non era davvero possibile avere contenuti che non utilizzavano affatto shader senza doverli disattivare completamente.

Significava anche che qualsiasi contenuto senza alcun predefinito di caricamento automatico avrebbe utilizzato l’ultimo shader caricato nel menu, il che non era molto intuitivo.

Questo è il motivo per cui gli shader vengono salvati solo manualmente ora, offrendo un maggiore controllo sul contenuto che utilizza quale shader.

Anche i preset con caricamento automatico hanno un nuovo asso nella manica: La direttiva `#reference`.

In termini pratici, le preimpostazioni a caricamento automatico possono puntare ad altre preimpostazioni, quindi se si carica una preimpostazione dello shader o la si salva tramite ‘Salva con nome’ e poi la si salva immediatamente come preimpostazione a caricamento automatico, questa punterà alla preimpostazione originale.

Questo è particolarmente utile per i preset realizzati e che si sta ancora modificando, perché non bisogna salvarli nuovamente come preset a caricamento automatico ogni volta.

I preset di shader salvati ora utilizzano percorsi relativi, che li rendono portatili su più sistemi, consentendo una facile condivisione dei preset personalizzati. Attenzione però, se si desidera spostare i preset in sottocartelle, è necessario regolare nuovamente anche i percorsi relativi.

Se ciò non bastasse, esiste anche una nuova opzione da riga di comando `–set-shader`, che funziona come una sostituzione per i preset di caricamento automatico.

Con tutte queste aggiunte è arrivata una rimozione, che è l’impostazione `video_shader`, perché non si adattava al modo in cui funzionavano i preset di caricamento automatico.

Questo è l’essenza di base di tutti i cambiamenti dello shader. La documentazione online è stata aggiornata di conseguenza, è possibile trovare la nuova guida per l’utente dello shader qui: https://docs.libretro.com/guides/shaders/

Miscellaneous

Changelog

  • Nuovo comportamento per il tasto [esc] sulle tastiere: In precedenza, premendo il tasto [esc] si usciva automaticamente dal programma. Ora, è necessario premere [esc] (o qualsiasi altro tasto associato a “Esci da RetroArch”) due volte per uscire. Se non ti piace questo nuovo comportamento, vai in Impostazioni – Inserisci e disattiva “Premi Esci due volte”.
  • Se l’utente seleziona un core che richiede un driver video diverso da quello che sta attualmente utilizzando (ad esempio, l’utente utilizza il driver Direct3D 11 durante il tentativo di avviare un core che richiede OpenGL), ora avviserà l’utente di questo dopo aver fallito nel caricare il core.
  • Le seguenti funzionalità sono state abilitate per impostazione predefinita:
    • Registrazione del tempo di riproduzione per contenuto – Ultima riproduzione, Quante ore/Minuti riprodotti, ecc..
    • Sublabels della playlist, che mostrano ulteriori informazioni su ciascuna voce della playlist.
  • Alcuni perfezionamenti al sistema di caricamento del core: Dopo che un core è stato caricato, non mostrerà “Quick Menu” fino a quando il core non sarà effettivamente in esecuzione.
    • Più perfezionamenti: quando un core è in esecuzione, l’opzione “Carica core” è nascosta. L’utente deve prima selezionare “Chiudi contenuto” per poter selezionare nuovamente un altro core da “Carica core”. Ciò dovrebbe comportare un aumento generale della stabilità del programma.
  • Possibilità di scegliere manualmente quali categorie di impostazioni visualizzare (Impostazioni -> Interfaccia utente -> Viste).
  • Windows/Linux/Mac: Migliorato il ridimensionamento della grafica del menu quando si ridimensiona la finestra in modalità finestra.
  • XMB: Nuove impostazioni consentono di scegliere tra una varietà di fantasiosi effetti di animazione del menu! Evidenziazione orizzontale animazione, Sposta animazione su/giù, Apre il menu principale animazione/chiusura.

Download: retroArch v1.7.8 (tutte le piattaforme)

Fonte: libretro.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.