[Impariamo a programmare] Corso base di programmazione lezione 1

Sentiamo sempre più spesso parlare di crisi, vero, la crisi c’è eccome, vi basti pensare che oltre 4 milioni di italiani sono senza lavoro, e chissà quanti altri lavorano senza riuscire a percepire lo stipendio, vi starete chiedendo il motivo di cosa centri la crisi con questa serie di nuovi articoli, ho deciso di intraprendere assieme a voi il mio percorso di studio sulla programmazione, esistono pochi programmatori in Italia, programmi che possono essere messi in vendita su app-store o android market, o anche programmi gestionali per aziende.

Inizieremo con il dire che la programmazione è l’attività di sviluppare programmi per un calcolatore e che lo scopo della scrittura di un programma è la risoluzione di un  problema.

Il lavoro svolto per la soluzione di un problema prende il nome di processo risolutivo di quel dato problema.

Oggi Affronteremo i seguenti argomenti:

  • Introduzione al PROBLEM SOLVING
  • dati di INPUT/OUTPUT
  • ALGORITMI
  • Fasi dello sviluppo di un PROGRAMMA

Il problem solving in informatica indica l’abilità di risolvere problemi con il computer.

I dati di input/output variano in un insieme di valori detto dominio di definizione.

L’algoritmo è un metodo risolutivo per un problema, descritto da un insieme di operazioni elementari o istruzioni.

Una operazione è detta elementare se:

  • è interpretata in modo univoco dall’esecutore
  • è direttamente eseguità dall’esecutore

a tal punto per poter parlare di algoritmo prendiamo in considerazione delle proprietà fondamentali, senza di esse non possiamo definirlo appunto algoritmo:

In primo luogo parleremo della non ambiguità: ogni operazione deve essere interpretata in modo univoco dall’esecutore.

l’eseguibilità: L’esecutore deve essere in grado di eseguire ogni operazione in un tempo finito.

Infine c’è la finitezza: l’esecuzione deve terminare in un tempo finito.

Vediamo adesso le fasi di sviluppo di un programma:

Dobbiamo prima formulare un problema ovvero scrivere la specifica dei requisiti in modo più o meno formale, dopo averlo formulato cerchiamo di capire il problema, cercando di scomporlo in parti più semplici poi bisogna progettare una soluzione, scriviamo l’algoritmo, implementare la soluzione, tradurre l’algoritmo in un linguaggio di programmazione che verrà eseguito dal calcolatore, importantissimo sottoporre la soluzione a test purtroppo a volte nella battitura di un programma si possono commettere degli errori, infine bisogna tenere aggiornato il programma, un programma viene realizzato per delle esigenze specifiche, tali esigenze cambiano nel tempo, per questo è necessario aggiornare il programma stesso.

 Per oggi è tutto, ciò che ho scritto finora altri non è che un riassunto di alcuni manuali presi in giro per la rete, spero tanto di aver fatto cosa gradita e, chi voglia, può commentare la news, alla prossima.

(Visited 503 times, 1 visits today)

7 commenti

  1. secondo me questa news non serve a niente perche uno che comincia a programmare non comincia da questi concetti e poi ti dovresti focalizzare su un linguaggio di programmazione e non in generico. cmq uno che comincia a programmare o si compra un libro o prende un sito di quelli importanti per la programmazione e usa si va a vedere quelli

    1. Beh, ho voluto condividere con voi il mio studio, imparerò questo linguaggio proprio assieme a voi, poi se non cerchiamo di capire l’ABC della programmazione è del tutto inutile, bisogna capire quello che scriviamo, io parlo a livello universitario, se no quasi tutti siamo capaci di mettere assieme dei listati, ma ben pochi conoscono cosa sia un algoritmo o una struttura di controllo giusto per citarne alcune…

    2. Beh, ho voluto condividere con voi il mio studio, imparerò questo linguaggio proprio assieme a voi, poi se non cerchiamo di capire l’ABC della programmazione è del tutto inutile, bisogna capire quello che scriviamo, io parlo a livello universitario, se no quasi tutti siamo capaci di mettere assieme dei listati, ma ben pochi conoscono cosa sia un algoritmo o una struttura di controllo giusto per citarne alcune…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *