True Blue: scoperti i codici BCA usati dai dischi

Per tutti coloro che hanno seguito la scena True Blue durante tutta la sua esistenza, saprà benissimo, che, alla sua uscita il dongle era accompagnato da dischi con codici speciali per far partire i game. Tanto per citarne uno, PES 2012, era eseguibile solamente con disco inserito. La mossa era pensata a tavolino dal team di sviluppo del True Blue, in modo da far “girare l’economia”, in pratica, i dischi “speciali” erano venduti a centinaia, facendo guadagnare ai personaggi migliaia di Euro.

E’ notizia di poco più di una settimana, che il Team Duplex è riuscito a decriptare il dongle, è invece notizia di poche ore fa, la scoperta dei codici usati dai dischi speciali che facevano partire i game interessati.

I codici in questioni vengono chiamati…

BCA, non sono nient’altro che una specie di codici a barre che davano “il consenso” per l’avvio del gioco.

Ma cosa ci possiamo fare con tali codici? Assolutamente niente direi, in quanto il True Blue oramai, non è nient’altro che un dongle pagato 50€!

Dopo la scoperta di oggi, penso che si possa mettere la parola “fine”, all’era dei dongle (almeno finche non ne usciranno di nuovi) che hanno fatto discutere fin troppo sulla scena PS3. Tra cloni e non cloni, discussioni a favore e contro, i dongle hanno ritagliato una bella fetta della storia della console di casa Sony.

Vedremo cosa ci riserverà il futuro.

Stay Tuned!

Join the Forum discussion on this post

(Visited 26 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *