Poker online e i SuperUser

La scorsa settimana è andato in onda, durante la puntata delle Iene di Giovedì sera, un video che ci mostrava come, in una delle poker room online, c’era (e forse c’è) la facoltà di truffare gli utenti, dando a chi per loro, dei permessi speciali che permettevano di giocare a carte scoperte e quindi facilitare gli utenti prescelti.

Il ragazzo che è apparso nel video è stato scovato e gli sono state poste svariate domande, di seguito troverete un piccolo estratto.

Perché hai chiamato la redazione de Le Iene giocando una ‘mano’ così pesante per te e la tua situazione? “La storia parte da lontano e più precisamente da quando ho iniziato a fare l’agente per alcune room dot com che offrivano lauti guadagni grazie alla raccolta ingente che queste sale da gioco producono. Poi, nell’aprile del 2011 la Finanza ha avviato un’indagine nei miei confronti e di altri agenti che, evidentemente, davano un po’ nell’occhio e guadagnavano troppo. Sono usciti tantissimi articoli di giornale su questa storia e si diceva che noi installavamo dei computer in alcuni locali e grazie ad un sistema monitoravamo il gioco. Ma non era vero nulla e per via legale eravamo inattaccabili. A me nessuno è venuto a cercare, stranamente, e la questione si è presto smontata anche se eravamo ormai al centro dell’attenzione e la nostra posizione era rovinata. Soprattutto perché siamo apparsi come i truffatori quando poi abbiamo scoperto di essere noi stessi truffati”.

Da qui la molla che porta Maccari ad indagare per suo conto: come giravano le cose? “Io ero il soggetto truffato da queste room e volevo capire come facevano a cambiare tutto in loro favore. Ho visto che c’erano questi siti che vendevano pacchetti che offrivano già modi e soluzioni per truffare le persone. Ma la svolta c’è stata quando sono entrato in contatto con uno dei programmatori che lavora in questi siti. E’ stato lui ad aiutarmi col servizio e a scoraggiarmi quando continuavo a perdere soldi”.

Il programmatore non poteva più tenersi dentro queste scomode verità e, pur rimanendo anonimo, ha aiutato Emanuele per il servizio:“Lui lavora ancora con queste room e non può licenziarsi visto che con qualcosa deve mangiare. Ma per poche ore mi ha dotato di un super user che poi è stato rimosso subito dopo e che mi ha permesso di far filmare a Le Iene come funzionava il sistema”.

C’è chi ha criticato aspramente il filmato notando vari difetti: “Non è un fake e chi conosce la situazione sa che diciamo la verità. Il flop con due carte? Stavano coprendo il brand della room sul tavolo e comprendendo poco di questo gioco ecco l’errore clamoroso”.

Maccari arriva precisa ancora: “Io non ho nessun super user e non sono titolare delle room che sono state tirate in ballo e tutto questo è documentato e documentabile. Io sono stato truffato come i giocatori che avevano rapporti con me perché io giocavo molto più di loro e ho perso tutto. Non ho soldi e nessuno può approfittarsi di me ma sono uscito allo scoperto perché vorrei che non capitasse più a nessuno e sono deciso ad andare avanti con questa battaglia”.

E non si tratta di nessun fake e tantomeno di servizi pro Aams e ‘punto it’: “Non c’entrano niente queste supposizioni e non ce l’ho neanche con tutte le room ‘dot com’ ma solo con quelle che possiedono delle licenze in paesi assurdi e che non offrono alcuna garanzia ai players”.

Un bel pastrocchio, quindi, ma le parole di Maccari sono sincere.“Ormai sanno tutti chi sono anche se io, essendo una questione molto delicata volevo rimanere anonimo come succede in tanti servizi. Per questo ora esco allo scoperto senza paura e per aiutare chi rischia di perdere tutti i soldi su questo tipo di room”.

 

Qui di seguito potrete trovare il video del servizio che riguarda tale articolo—>LINK

Ognuno di noi si può fare le propria idea naturalmente, ma chiunque ha giocato o giocherà online, scoprirà che qualcosa di strano a volte accade e questi fatti non fanno altro che aumentare i propri dubbi al riguardo delle poker room online.

Fateci sapere le vostre idee e magari le vostre esperienze al riguardo.

(Visited 24 times, 1 visits today)

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *