Home Android Disponibile un nuovo aggiornamento per il frontend retroArch

Disponibile un nuovo aggiornamento per il frontend retroArch

304
0

Il frontend retroArch si aggiorna alla versione 1.9.5, questa volta il team Libretro ha apportato diverse modifiche per le API Direct3D che ora dovrebbe consentire l’avanzamento rapido in modalità a schermo intero.

Il titolo della finestra ora dovrebbe aggiornarsi completamente e periodicamente anche quando si utilizzano i driver Direct3D. Ora la finestra visualizza correttamente anche il numero dei fotogrammi e gli FPS.

Punti salienti

Funzionalità di ricerca avanzata nel menu “Gestisci core”

La versione 1.9.5 aggiunge funzionalità di ricerca avanzate al menu Impostazioni > Core > Gestisci core (con comportamento identico a quello del downloader core).

Questa versione collega anche le azioni di input sinistro/destro per le voci del core manager, in modo che l’elenco Manager Core possa scorrere rapidamente premendo/mantenendo premuto sinistra/destra.

Estensione API per l’impostazione di “need_fullpath” in base all’estensione del file di contenuto e per richiedere buffer di dati di contenuto frontend persistenti, in precedenza, le API Libretro avevano due importanti carenze quando si trattava di gestire i contenuti:

  • Il parametro need_fullpath, utilizzato per definire se il contenuto viene caricato dal frontend o gestito da un core, è impostato “globalmente” a livello di core. Ciò significa che qualsiasi core che supporta sia il tipo di CD che il contenuto ROM “normale” deve impostare need_fullpath=true per tutti i contenuti, poiché i file di tipo CD sono generalmente troppo grandi per essere contenuti nella memoria – e così facendo, sono obbligati a caricare piccoli file ROM internamente, disabilitando qualsiasi supporto per il softpatching del frontend e richiedendo al frontend di estrarre il contenuto compresso in file temporanei su disco.
  • Il buffer di dati del contenuto passato a retro_load_game() è transitorio: un core deve presumere che diventerà non valido una volta che retro_load_game() ritorna. Ciò significa che qualsiasi core che imposta need_fullpath=false deve duplicare il buffer dei dati del contenuto, quindi, ad esempio, il caricamento di una ROM GBA da 32 MB con mGBA richiede 64 MB di RAM libera. Questo è un problema sostanziale su piattaforme con memoria limitata e significa che alcuni core sono costretti a impostare need_fullpath=true solo per ridurre al minimo il consumo di RAM.

In questa versione il frontend retroArch cerca di affrontare questi problemi con l’aggiunta di un nuovo callback dell’ambiente

RETRO_ENVIRONMENT_SET_CONTENT_INFO_OVERRIDE

  • Ciò consente di impostare need_fullpath in base all’estensione del file.
  • Consente inoltre ai core di richiedere un buffer di dati di contenuto persistente, che è garantito per essere valido per tutta la durata del core (in modo tale che non sia richiesta la duplicazione dei dati).

Ad accompagnarlo c’è un nuovo callback RETRO_ENVIRONMENT_GET_GAME_INFO_EXT, che consente di recuperare informazioni estese sul contenuto in retro_load_game() (in particolare, fornisce informazioni sul percorso del file di contenuto/metadati – spesso essenziali quando si carica contenuto da archivi compressi – e lo stato di “persistenza” del buffer).

Il modo in cui viene implementata questa funzionalità ha un ulteriore vantaggio collaterale. Su tutte le piattaforme che supportano runahead, per ogni core che imposta need_fullpath=false è necessario creare e archiviare un’altra copia del buffer di dati del contenuto nel caso in cui l’utente attivi la seconda istanza runahead mentre il core è in esecuzione.

Ora che abbiamo un meccanismo per mantenere i buffer di dati di contenuto persistenti, applichiamo semplicemente la persistenza ogni volta che runahead è supportato, in modo che il buffer di contenuto caricato dal frontend iniziale possa essere utilizzato direttamente dal core di seconda istanza, senza duplicazione.

Nota: Un paio di core stanno già implementando questa nuova funzionalità. Sfortunatamente, non tutti gli emulatori saranno in grado di utilizzare direttamente il buffer persistente senza prima copiarlo in un buffer temporaneo. Ad alcuni emulatori piace scrivere di nuovo nel buffer ROM in memoria (come l’aggiunta di speedhacks o altre alterazioni). Nei casi in cui ciò accade, purtroppo non possiamo semplicemente impostare direttamente un puntatore al buffer persistente e dobbiamo avere ancora una copia del buffer di memoria.

Nuova implementazione CRT SwitchRes

Cosa c’è di nuovo?

  • Migliorata la generazione dei modelli.
  • Commutazione più rapida e stabile.
  • Risoluzioni dinamiche di Windows. Non più limitato a risoluzioni bloccate/Hz. I tempi vengono modificati al volo (solo ATI). (Ripristino risoluzione stabile. Se RetroArch dovesse bloccarsi, rimarrai bloccato nella risoluzione precedente in cui si trovava RetroArch)
  • Super risoluzioni migliorate con ridimensionamento intero.
  • Corretto il problema del monitor principale. Non devi più utilizzare solo il tuo monitor principale.
  • Indicizzazione del monitor migliorata. Consente il supporto di più monitor.
  • Opzioni di bassa e alta risoluzione per il menu RetroArch (il supporto RawInput per i dispositivi mouse assoluti (Lightguns, per citarne alcuni) ha avuto problemi con le modifiche alla risoluzione, questo è stato corretto le coordinate vengono riassegnate dopo una modifica della risoluzione).
  • Nuove opzioni del menu CRT SwitchRes per eliminare la necessità di modificare il file switchres.ini.
  • Switchres.ini ora può essere utilizzato per impostare alcune opzioni avanzate.
  • Profili monitor: consentono di modificare il profilo di generazione della modellazione per adattarlo a molti TV/monitor. (Alcuni disponibili dal menu CRT SwitchRes)
  • Intervalli CRT personalizzati: consente di impostare profili monitor personalizzati. Questo può aiutare con TV/monitor non comuni e problemi di geometria.

Changelog

  • ALSATHREAD: Iimposta alsathread come predefinito per tutti i dispositivi ALSA con thread.
  • ARCHIVE: Corretto il caricamento di contenuti archiviati con nomi di file contenenti caratteri “#”.
  • CHEEVOS: Aggiornamento a rcheevos 10.1.
  • CHEEVOS: Indicatori di sfida.
  • CHEEVOS: Raggruppati i risultati per categoria nel menu rapido.
  • CHEEVOS: Rinominato “Avvia attivo” con “Modalità Encore”.
  • D3D10: Il titolo della finestra ora dovrebbe essere aggiornato.
  • D3D11: Il titolo della finestra ora dovrebbe essere aggiornato.
  • D3D11: Consente l’avanzamento rapido a schermo intero.
  • D3D12: Il titolo della finestra ora dovrebbe essere aggiornato.
  • D3D12: Consente l’avanzamento rapido a schermo intero.
  • CRT/SWITCHRES: Nuova implementazione.
  • FONT: Migliorato il wrapping dei messaggi con le lingue CJK.
  • FONT: Corretti i caratteri confusi durante la conversione delle codifiche.
  • INPUT: Consente di utilizzare le 8 direzioni della levetta analogica come tasti per le mappature principali della tastiera.
  • LIBRETRO: Aggiunta dell’estensione API per l’impostazione “need_fullpath” in base all’estensione del file di contenuto e per richiedere buffer di dati del contenuto del frontend persistenti.
  • MENU/SEARCH: Aggiunta funzionalità di ricerca avanzate al menu “Gestisci core”.
  • OPENDINGUX: Corregge le schermate nere quando si attiva l’inizializzazione del driver gfx tramite le azioni del menu.
  • UNIX: Migliorate le statistiche della batteria sui nodi sysfs.
  • VIDEO: Estendi l’intervallo di Frame Delay a 19 per adattarsi anche al terreno PAL.
  • WIFI/LAKKA: Aggiunto nmcli ai driver wifi.
  • WIFI/LAKKA: Aggiunto menu di configurazione wifi.
  • X11: Correzione dello schermo intero durante lo scambio di monitor/risoluzione.

Download: RetroArch v1.9.5 (tutte le piattaforme)

Download: Source code RetroArch v1.9.5

Link: Collegamento Patreon

Fonte: libretro.com

Articolo precedente[Scena PS3] Rilasciato Custom Firmware 4.88 Evilnat con patch Cobra 8.3
Articolo successivo[Scena Switch] Rilasciato nx-DungeonRush v1.2.1
Sono Nato nel 1980 e da diversi anni coltivo la passione per tutto ciò che riguarda il mondo dei videogiochi, ho vissuto l'era degli home computer con il Commodore 64 e l'Amiga 500, da sempre appassionato di giochi di ruolo e di titoli di avventura.