In arresto tre membri del team Xecuter dal distretto occidentale di Washington

Tre persone considerate a capo del team Xecuter sono stati tratti in arresto e si trovano attualmente in custodia con accuse depositate presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti a Seattle.

Max Louarn, 48 anni, cittadino francese di Avignone, Francia, Yuanning Chen, 35 anni, cittadino cinese di Shenzhen, Cina, e Gary Bowser, 51 anni, cittadino canadese di Santo Domingo, Repubblica Dominicana, sono stati accusati in un atto d’accusa federale non sigillato oggi.

L’accusa afferma che gli imputati erano i leader di un’impresa criminale che ha sviluppato e venduto dispositivi illegali che hanno hackerato le popolari console di videogiochi in modo che potessero essere utilizzati per riprodurre copie non autorizzate o piratate di videogiochi.

L’azienda ha preso di mira console popolari come Nintendo Switch, Nintendo 3DS, Nintendo Entertainment System Classic Edition, Sony PlayStation Classic e Microsoft Xbox.

Gli imputati erano presumibilmente leader di un famigerato gruppo criminale internazionale che ha raccolto profitti illegali per anni piratando la tecnologia dei videogiochi delle società statunitensi.

Queste le parole del procuratore generale aggiunto Brian C. Rabbitt della divisione penale del Dipartimento di giustizia.

Questi arresti dimostrano che il dipartimento riterrà responsabili gli hacker che cercano di requisire e sfruttare la proprietà intellettuale delle società americane per ottenere un guadagno finanziario, indipendentemente da dove si trovino.

Il procuratore degli Stati Uniti Brian Moran per il distretto occidentale di Washington ha poi aggiunto:

Gli imputati si sono riempiti le tasche rubando e vendendo il lavoro di altri sviluppatori di videogiochi, arrivando persino a far pagare ai clienti una quota di licenza per giocare a giochi rubati,

Questa condotta non danneggia solo le aziende da miliardi di dollari, ma dirotta il duro lavoro delle persone che lavorano per avanzare nel settore dei videogiochi.

Eben Roberts, agente speciale responsabile dell’ufficio immigrazione degli Stati Uniti e Homeland Security Investigations (HSI ), Seattle ha delineato come:

Il furto di proprietà intellettuale danneggia l’industria statunitense, gli sviluppatori di giochi e sfrutta i clienti di gioco legittimi, il che minaccia la legittimità dell’industria dei videogiochi commerciali.

Ci impegniamo a lavorare con i nostri partner internazionali per trovare criminali come questi che rubano materiale protetto da copyright e assicurano i criminali informatici alla giustizia.

L’agente speciale responsabile Raymond Duda del Seattle Field Office dell’FBI ha infine aggiunto:

Immagina se qualcosa che hai inventato ti venisse rubato e poi commercializzato e venduto a clienti in tutto il mondo. Questo è esattamente ciò che stava facendo il Team Xecuter.

Questo è un perfetto esempio del perché l’FBI ha fatto della prevenzione del furto di proprietà intellettuale una priorità. Questi arresti dovrebbero inviare un messaggio agli aspiranti pirati che l’FBI non considera questi crimini un gioco.

Secondo i documenti del tribunale, l’impresa criminale Team Xecuter è composta da oltre una dozzina di singoli membri dislocati in tutto il mondo.

Questi membri includono sviluppatori che sfruttano le vulnerabilità nelle console e progettano dispositivi di elusione; progettisti di siti Web che creano i vari siti Web che promuovono i dispositivi dell’azienda; fornitori che producono i dispositivi; e rivenditori in tutto il mondo che vendono e distribuiscono i dispositivi.

L’atto di accusa afferma che, a causa della natura illegale della sua attività, il Team Xecuter ha cercato continuamente di eludere gli sforzi di contrasto da parte delle società vittime, delle istituzioni finanziarie e delle forze dell’ordine.

In particolare, il Team Xecuter ha tentato di proteggere la sua attività complessiva utilizzando un’ampia varietà di marchi, siti Web e canali di distribuzione, secondo l’accusa.

Da circa giugno 2013 ad agosto 2020, il Team Xecuter ha utilizzato una varietà di nomi di prodotti per i suoi dispositivi, come Gateway 3DS, Stargate, TrueBlue Mini, Classic2Magic e la linea di dispositivi SX che includeva SX OS, SX Pro, SX Lite e SX Core.

Secondo l’accusa, il Team Xecuter a volte ha mascherato la sua attività illegale con un presunto desiderio di supportare gli appassionati di giochi che volevano progettare i propri videogiochi per uso non commerciale.

Tuttavia, la domanda e l’utilizzo travolgente per i dispositivi dell’azienda era quello di giocare a videogiochi piratati. Per supportare questa attività illegale, il Team Xecuter avrebbe aiutato a creare e supportare librerie online di videogiochi piratati per i suoi clienti, e molti dei dispositivi dell’azienda erano precaricati con numerosi videogiochi piratati.

Secondo l’accusa, il Team Xecuter era così sfacciato che ha persino richiesto ai clienti di acquistare una “licenza” per sbloccare tutte le funzionalità del suo firmware personalizzato, l’SX OS, al fine di consentire la possibilità di giocare a videogiochi piratati.

Nel settembre del 2020, Louarn e Bowser furono arrestati all’estero in relazione alle accuse in questo caso. Gli Stati Uniti chiederanno l’estradizione di Louarn per essere processato negli Stati Uniti. Bowser è stato arrestato e deportato dalla Repubblica Dominicana, ed è comparso oggi alla corte federale, nel New Jersey.

Ogni imputato è accusato di 11 reati, tra cui cospirazione per commettere frodi telefoniche, frodi telefoniche, cospirazione per eludere misure tecnologiche e traffico di dispositivi di elusione, traffico di dispositivi di elusione e cospirazione per commettere riciclaggio di denaro.

Le accuse nell’atto d’accusa sono semplicemente accuse e gli imputati sono presunti innocenti fino a quando non si dimostrano colpevoli oltre ogni ragionevole dubbio in un tribunale. Questo caso è indagato congiuntamente dall’FBI e dall’HSI.

Fonte: justice.gov

(Visited 1 times, 1 visits today)

3 commenti

  1. aldilà che sono un sostenitore dell’hacking, ma le Leggi mondiali parlano chiaro, non si deve creare profitto. in ITALIA, se prendi un DVD di un film, lo doppi e lo vendi è reato, se invece scarichi un Film, lo guardi e lo cancelli, non sei perseguibile. la Legge è cosi, se crei profitto fregando il materiale agli altri, è infrangere la Legge 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *