OpenLara disponibile ora su retroArch

Siamo quasi arrivati alla fine, il team Libretro ha rilasciato in nottata il nuovo core OpenLara, il motore di gioco di Tomb Raider messo a punto dal developer XProger sta già progredendo rapidamente.

Come per il core Redream anche OpenLara richiede l’utilizzo del driver video OpenGL, assicuratevi in tal caso di aver selezionato ‘gl’ in Impostazioni -> Driver.

Disponibilità

  • Windows (32 bit/64 bit).
  • Linux (32 bit/64 bit).

Requisiti

Per far funzionare adeguatamente questo core dovrete andare ad attivare l’opzione ‘Enable Shared Hardware Context’, altrimenti vedrete solo una singola texture sullo schermo, invece della schermata del gioco.

Nota: Gli utenti Mac OS al momento non potranno fare uso di questo core, questo perché retroArch su Mac non supporta la sopracitata funzione, bisogna dunque aggiornare prima il frontend per poterne aggiungere il supporto.

Download

  • Eseguite retroArch.
  • portatevi su aggiornamento online -> Aggiorna cores.
  • Scaricate ‘Tomb Raider (OpenLara)’ dalla lista.

Avvio

Per adesso, OpenLara è più di una demo, si rende necessario caricare separatamente i livelli all’interno del programma per riprodurli.

Attualmente non è possibile giocare a Tomb Raider dall’inizio alla fine utilizzando questo core. Si spera ci saranno importanti progressi nello sviluppo, questo per fare in modo di poter riprodurre fedelmente i vecchi capitoli di Tomb Raider con grafiche avanzate e framerate migliorati.

Per scopi dimostrativi, verranno forniti i livelli demo di Tomb Raider 1, e volendo sarebbe possibile utilizzare i livelli delle versioni PC/PSX e caricarle all’interno del core.

Come utilizzare la demo

Sebbene diversi elementi del gioco non siano stati implementati (come ad esempio la barra della salute, i danni, ecc..), si può solo completare il livello.

Controlli

I controlli del RetroPad sono stati impostati per rispecchiare i comandi dei capitoli di Tomb Raider rilasciati su PSX.

  • – Scansa a sinistra.
  • – Scansa a destra.
  • – Reggiti e cammina.
  • – Salta.
  • – Pulsante di  azione. Può essere utilizzato per far scorrere gli interruttori o per afferrare una sporgenza.
  • – Estrae l’arma. Premere il pulsante per sparare e premere nuovamente  per riporre l’arma.
  •  – Rotola. Un po’ diverso dalle meccaniche di Tomb Raider in quanto Lara esegue uno scatto posteriore se si preme il pulsante  senza muoversi.
  • – Questa operazione attiverà una modalità a schermo intero molto simile a quello utilizzato da Mirror Edge utilizzando un motore di gioco dell’epoca PS1. Si noti che il cambiamento in questo momento risulta pieno di bug, e verrà migliorato in futuro.

Attualmente non esiste alcun modo per attivare l’inventario o per selezionare un’arma diversa dal RetroPad.

La cosa più bella di OpenLara è che, pur rimanendo fedele all’aspetto originale del gioco, aggiunge anche diversi miglioramenti grafici che riescono a dare un aspetto diverso dallo stile arcaico dei primi capitoli della serie, alcuni esempi includono:

  • Self-shadowing su Lara, nemici, ecc..
  • Nuovi effetti di acqua che sostituiscono la semplice manipolazione verticale della superficie dell’acqua sulla PSX. La versione per Saturn è stata l’unica ad aver cercato di fare qualcosa di più sofisticato con l’acqua. Se non gradite questi miglioramenti grafici molto belli, vi è un’opzione di base in modo da poterli disattivare (‘Enable water effects’ in Quick Menu -> options).
  • Effetti di ombreggiatura – Dopo che Lara esce dall’acqua, la pelle ha un effetto di ombreggiatura leggermente bagnata.
  • Una modalità in prima persona resa più convincente e divertente di quello che ci aspettassimo. Si comporta un po’ come in Mirror’s Edge in quanto la telecamera tira su e giù, e puoi vedere le mani di Lara che si muovono di fronte a te. Se si tenta di fare un salto – la fotocamera ruoterà insieme con essa. Ciò che rende la modalità in prima persona un po’ più convincente è l’aggiunta del nuovo effetto self-shadowing.

Caratteristiche extra

  • Volendo è possibile aumentare la risoluzione fino a 2560×1440. Le modalità di risoluzione più elevate potrebbero diventare disponibili nel tempo.
  • Il core OpenLara è indipendente dal framerate. Dal Quick Menu -> Options, cambiate il valore in ‘Framerate’ e riavviate il core, è possibile eseguire OpenLara a 30fps/60fps/90fps/120fps/144fps. Il framerate predefinito è 60fps.
  • Se si preferisce è possibile disattivare gli effetti avanzati dell’acqua. Dal Quick Menu -> Options, selezionare OFF su ‘Water effects’ e riavviare il core, è anche possibile attivare o disattivare il filtro bilineare in modo analogo.

Non ancora implementato

  • I salvataggi di stato non sono stati implementati.
  • Come detto poco sopra, non è possibile giocare a Tomb Raider dall’inizio alla fine utilizzando questo core, è possibile giocare solo alcuni livelli individuali.
  • Gli stick analogici non sono stati ancora legati, una buona idea sarebbe quella di legare la manipolazione della fotocamera al secondo stick analogico.
  • Non esiste ancora alcun controllo del mouse, presente invece nella versione standalone.

Prossimamente

  • Dolphin (avrà i controlli del GameCube solo in un primo momento, funzionerà sia per GL che Vulkan). Probabilmente il core Dolphin coinciderà con il rilascio della versione 1.6.1 di retroArch.
(Visited 110 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *