Home News Homebrew nativo su Playstation Vita grazie alla nuova piattaforma Rejuvenate

[Scena PS Vita] Homebrew nativo su Playstation Vita grazie alla nuova piattaforma Rejuvenate

191
3

Il developer Yifan Lu ha annunciato sul suo blog la sua nuova piattaforma che prende il nome di Rejuvenate che permetterà di sviluppare ed eseguire homebrew nativo su Playstation Vita.

Vita

Per poter eseguire la piattaforma dovrete scaricare l’applicazione PlayStation Mobile Development Assistant dal Playstation Network, anche se sembra che Sony lo abbia già ritirato dallo Store.

I software, ovviamente non ufficiali potranno funzionare su qualsiasi tipo di console Playstation Vita, ma non permetteranno di installare o eseguire backup in alcun modo.

[tube url=http://www.youtube.com/watch?v=_Buiwewttcw]

L’exploit esisteva da quasi tre anni, ma Yifan Lu temeva che con il suo rilascio pubblico avrebbe portato alla prematura morte del PSM (Playstation Mobile), ma ora con la realizzazione del primo vero SDK per Playstation Vita e l’annuncio del ritiro da parte di Sony del PSM, il developer ha voluto rilasciare l’exploit pubblicamente.

Rejuvenate 

Rejuvenate è composto essenzialmente da tre strumenti principali che forniscono nel suo insieme una piattaforma per gli sviluppatori pronti a sviluppare e scrivere homebrew per Playstation Vita.

  • UVLoader 1.0  permettera il caricamento di eseguibili  su PS Vita. La versione originale è stata scritto tre anni fa per la versione del firmware 1.80. Da allora, Sony ha preso il codice sorgente e lo ha caricato di altro codice.Tuttavia, non vi è alcuna barriera che non può essere ignorata! L’ultima versione include il supporto per SCE ELF con delocalizzazioni, NID poison antidote, e altro ancora. Può avviare homebrew su Vita fino al firmware 3.51 (al momento della scrittura).
  • VitaDefiler  è un sistema di RPC (Remote Procedure Call) per Vita in userland. Le caratteristiche principali includono peek/poke della memoria in  userspace, esecuzione di codice arbitrario in ARM, e un’interfaccia di scripting per operazioni in esecuzione in modo rapido. Originariamente sviluppato per la ricerca di exploit, questo strumento può essere utilizzato anche dagli sviluppatori homebrew per testare e mettere a punto le loro applicazioni. VitaDefiler serve anche come ASLR (address-space-layout-randomization, una tecnica utilizzata da Sony per scoraggiare l’esecuzione degli exploit) bypass per UVLoader.
  • PSM+ è quello che io chiamo il metodo che ho trovato per bypassare i due kill-switches che Sony ha messo in PSM per impedire questo scenario. In primo luogo, app-keys che sono emessi da Sony agli sviluppatori di firmare il contenuto PSM sono necessari per eseguire l’exploit. Queste chiavi di solito scadono ogni tre mesi, e Sony può rifiutarsi di rilasciarle in un secondo momento. Questo ora può essere ignorato.

Questi strumenti, insieme con l’open SDK (attualmente in fase di sviluppo) consentiranno agli sviluppatori di scrivere homebrew per Playstation Vita. nel video dimostrativo, poco sopra, viene mostrata l’esecuzione dell’applicazione UVLoader come uno script VitaDefiler (che fornisce informazioni in ASLR bypass).

La demo di spinning-cube è stato codificato dal developer, linkato a mano (come l’open SDK è attualmente incompleto), e lanciato attraverso UVLoader, il tutto in esecuzione in modo nativo con accesso diretto alle chiamate delle API GPU.

Limitazioni

Ci sono attualmente buone e cattive notizie, per la buona, non ci sarà alcun bisogno di acquistare giochi di cui non abbiamo mai sentito nominare, ne di sostenere alcuna spesa, mentre la cattiva vede purtroppo il lancio degli homebrew non certo alla portata di tutti, si spera di facilitare l’esecuzione nei prossimi aggiornamenti.

  • La piattaforma necessiterà una connessione USB ogni qualvolta si desidera avviare un homebrew. L’exploit come infatti richiede un PC per essere eseguito, quindi questo è purtroppo un requisito fondamentale, e purtroppo non potrà essere supportato dalla Vita TV.
  • Richiede il sistema operativo Windows, e qui la colpa è di Sony per non ha voluto creare un porting dei strumenti PSM per i diversi sistemi operativi.
  • È necessario un collegamento attivo in rete, almeno una volta al giorno quando si decide di eseguire gli homebrew. Questo perché il PSM deve effettuare una telefonata a casa tutti i giorni. Anche se abbiamo un modo per aggirare la revoca, al momento non si può ignorare il telefono di casa.
  • Firmware 3.00+ raccomandato. Anche se tecnicamente l’exploit potrebbe funzionare anche su firmware 1.69+, la versione più recente degli strumenti è stata collaudata (e darà il solo supporto) per firmware 3.00+. .

Grazie a tutti coloro che hanno aiutato con questo progetto, soprattutto Davee, Proxima, e xyz. Spero che questo sia l’inizio di qualcosa di grande. Ogni giorno, la gente reclama sulla prematura morte della scena Playstation Vita, ma noi vogliamo dimostrare che si sbagliano. Daremo nuova vita alla Playstation Vita.

3 Commenti

  1. Praticamente solo e soltanto un piccolo passo avanti,ed anche di una macchinosità eccessiva,complimenti a Sony per aver ideato il miglior sistema di difesa su una console portatile al mondo…la stada per un vero e proprio Hack su PsVita è ancora molto lontano…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.