Le specifiche tecniche del RetroBox la prossima console di gioco sviluppata dal team di retroArch

RetroBox, la prossima console di gioco open-spec, realizzata dal team di RetroArch viene mostrata al pubblico, ma per il momento solo la scheda madre che monta un NVIDIA JETSON TK1.

jetson

NVIDIA Jetson TK1 Embedded Development Kit offre tutto l’occorrente per sfruttare a fondo la potenza delle GPU per le applicazioni embedded. È realizzata sulla base della rivoluzionaria NVIDIA® Tegra® K1 SOC e si avvale degli stessi core di computing NVIDIA Kepler™ presenti nei supercomputer di tutto il mondo.

Caratteristiche

  • Scheda madre Jetson.
  • SOC Tegra K1.
    • GPU NVIDIA Kepler con 192 core di CUDA.
    • CPU quad-core ARM® Cortex A15 NVIDIA 4-Plus-1™.
  • 2 GB di memoria.
  • 16 GB di e.MMC.
  • Gigabit Ethernet.
  • USB 3.0.
  • SD/MMC.
  • miniPCIe.
  • HDMI 1.4.
  • SATA.
  • Uscita audio/ingresso microfono.
  • Porta seriale RS232.
  • Porte di espansione per ulteriori display, GPIO e interfaccia videocamera a elevata banda passante.
  • Alimentatori e cavi.
  • Micro USB-USB.

Il concetto di RetroBox è stato studiato per limitare alcune problematiche inerenti le console come la Playstation 3 o la Xbox 360, il problema nasce dal fatto che non esiste una console in grado di far girare l’emulatore, a meno che questa non sia “aperta” e modificata.

tegra

Nelle “console” che non sono aperte, e cioè che sfruttano un sistema operativo di tipo android potrebbe risultare assolutamente inadatta per le prestazioni orientate ad applicazioni in tempo reale, come ad esempio in alcuni giochi.

L’obiettivo è quello di creare un ecosistema più aperto, più ottimale e sicuramente più interessante di quanto previsto finora su android, iOS, e Steam, una piattaforma di gioco, una console di gioco.

(Visited 126 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *