[Impariamo a programmare] Corso base di programmazione lezione 5

Salve a tutti e benvenuti a questo nuovo tutorial sul corso base di programmazione, oggi spiegheremo le variabili, ma facciamo un breve riepilogo:

Programma

Un programma è un insieme di istruzioni che eseguite una di seguito all’altra partendo da dei dati di input si arriva a dei risultati chiamati appunto dati di output. queste  istruzioni poi vengono codificate in un linguaggio di programmazione, la codifica viene fatta solo dopo che l’utente  ha realizzato graficamente un metodo risolutivo.

Image converted using ifftoany

Quindi un linguaggio di programmazione deve consentire all’utente di rappresentare i dati sulle quali andremo ad agire e per poter manipolare questi dati è necessario che il linguaggio di programmazione ci metta a disposizione degli operatori che verranno utilizzate per la manipolazione dei dati di input e di output o di quei dati definiti dati intermedi o dati di lavoro, inoltre l’esecuzione delle istruzioni avviene nell’ordine in cui appaiono nel programma (eccetto che in presenza di istruzioni di controllo).

Cosa si intende per variabile?

I dati su cui si esegue una elaborazione sono memorizzati tramite:

  • Variabili
  • Costanti

A ogni dato è associata una locazione di memoria il cui indirizzo è rappresentato dal nome o identificatore del dato. Per il programmatore è più facile ricordare un nome simbolico che si riferisce alla locazione di memoria, invece di ricordare l’indirizzo di memoria infatti la variabile assume il valore dell’indirizzo di memoria.

A cosa servono le variabili?

Le variabili e le costanti di un programma servono per memorizzare

  • Dati di ingresso
  • Dati di uscita
  • Dati intermedi o di lavoro

Proviamo ora ad analizzare meglio il concetto di variabile.

In un linguaggio di programmazione una variabile è un’entità identificata da un nome e contenente un valore, se per esempio supponiamo di avere un dato di input, questo dato di input come detto prima, e memorizzato in una memoria del calcolatore e la locazione dove è presente questo dato la chiamiamo con la lettera maiuscola A, quindi quanto ci si vuole riferire al dato presente in quella particolare locazione di memoria basterà utilizzare il simbolo A.

Quindi una variabile è identificata da un nome detto identificatore, che può assumere un valore e può essere modificato durante l’esecuzione di un programma  (quest’ultimo concetto è importantissimo) .

Che cosa è una costante?

Il concetto di costante è molto simile a quello di variabile, ma con la sola differenza che non può in nessun modo essere modificato durante l’esecuzione di un programma.

 

Per oggi è davvero tutto amici, ho scritto due guide in un giorno e mi sento stremato, alla prossima lezione.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *