GeoHot torna sulla scena

GeoHot ha lasciato Facebook e ora è libero di tornare sulla scena, la notizia ci arriva in giornata, sembra infatti, che George Hotz, voglia tornare al lavoro che lo ha sempre contraddistinto, l’hacking.

Ma partiamo dal suo Curriculum :

Per quanto riguarda la scena iDevices:

 Il suo lavoro è iniziato nel 2008 con un iPhone 2G. Il 3 luglio 2009 ha pubblicato Purplera1n, il primo software in grado di eseguire il jailbreak sul nuovo iPhone 3GSSuccessivamente, l’8 ottobre 2010 ha pubblicato la versione finale di Limera1n, che permette il jailbreak su iPhone e iPod Touch di quarta generazione fino al firmware 4.2.1.

Sulla scena PS3:

Alla fine del 2009, ha annunciato che il suo lavoro per violare la console di Sony aveva finalmente avuto fine, e il 22 gennaio 2010 ha annunciato di essere riuscito ad avere i permessi di scrittura e lettura della memoria della console. Successivamente rilasciò degli exploit, a quel tempo inutilizzabili perchè Sony rilasciò a sua volta un aggiornamento di sistema, arrivando al 3.20 e rendendo impossibile l’installazione di un altro sistema operativo. Grazie al suo lavoro, però,  arrivò il primo dongle usb, e infine, l’installazione dell’ultimo Custom Firmware disponibile.

La pubblicazioni delle chiavi da parte di GeoHot fece andare su tutte le furie Sony che annunciò di aver intentato una causa legale ai danni del ragazzo , per aver violato sia i diritti d’autore, che la policy aziendale Sony. Il 27 gennaio, la US District Court del Northern District of California vietò all’hacker il rilascio e qualsiasi altra interferenza nel jailbreak della PS3.

Dopo questo fatto l’hacker sparì e si disse che fosse andato a lavorare per Facebook.

Fino ad oggi, GeoHot si è staccato dal social network ed ora è a piede libero.

Non sappiamo cosa possa avere in mente per il futuro, ma i nostri pensieri sono rivolti tutti alla scena PS3 e al tanto agognato CFW, anche se crediamo che continuerà a lavorare anche su iDevices.

Non ci resta che attendere sviluppi, intanto…

bentornato George Hotz!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *