Home Homebrew Rilasciato NX Dump Client v1.1.2

[Scena Switch] Rilasciato NX Dump Client v1.1.2

330
0

NX Dump Client è un nuovo client Linux sviluppato dal developer v1993, una valida alternativa a NX Dump Tool. Realizzato utilizzando Vala e GTK.

L’applicazione è caratterizzata dalla sua semplicità ed efficacia, è possibile attivare l’avvio automatico nelle impostazioni e lasciarla in esecuzione in background, se lo si desidera.

Per ulteriori informazioni e assistenza, è possibile visitare il server ufficiale di nxdumptool su Discord: https://discord.gg/SCbbcQx

Domande frequenti

Domanda: Qual è il metodo di installazione preferito?
Risposta breve: Pacchetto AUR (stabile) se si utilizza una distro basata su Arch, altrimenti flatpak da Flathub. L’installazione di flatpak da CI è di norma fortemente sconsigliata, poiché non vengono aggiornati automaticamente; si consiglia invece di installarli da Flathub, se possibile.
Risposta lunga: La costruzione manuale o l’uso di pacchetti non ufficiali possono essere opzioni valide in ambienti non-Arch, ma l’SDK Flatpak di Manjaro/GNOME (il meno aggiornato al momento) è quello che determina in ultima analisi le caratteristiche della versione più alta della libreria che prenderò in considerazione. Anche se sono disposto a supportare più distro in modo nativo, non farò di tutto per farlo (qualche modifica al sistema di compilazione va bene, dover implementare manualmente una funzionalità presente in una versione più recente di una libreria/strumento non lo è).

Domanda: Dove vengono memorizzati i dump?
Risposta: Per impostazione predefinita, nella cartella Download. È possibile modificare il percorso (e un paio di altre comode impostazioni) nelle preferenze.

Domanda: Perché esistono diverse modalità di checksum NSP/NCA e quale devo usare?
Risposta: Un frammento del checksum SHA256 dell’NCA è contenuto nel nome del file, consentendo di verificarne il contenuto. Tra gli altri tipi di file possibili, gli NSP contengono in genere più NCA e un elenco di nomi di file nella loro intestazione (che viene inviata per ultima durante il trasferimento). Quando si esegue il dump, il nome originale dell’NCA viene inviato con esso, anche se potrebbe non essere verificato con i suoi contenuti se sono abilitate alcune opzioni di dump che li modificano. Tuttavia, nxdumptool invia successivamente i nomi NCA modificati all’interno dell’intestazione NSP.

  • La modalità compatibile utilizza i nomi dei file dell’intestazione NSP, quindi funzionerà correttamente se gli NCA sono stati modificati da nxdumptool, ma potrà rilevare gli errori solo al termine del trasferimento.
  • La modalità Strict utilizza i nomi dei file NCA originali, in modo da poter rilevare gli errori non appena l’NCA viene trasferito, ma fallirà erroneamente se l’NCA è stato modificato da nxdumptool.
  • None, come dice il nome, disabilita completamente il calcolo e la verifica del checksum.

Di conseguenza, la modalità rigorosa è consigliata, ma solo se non si utilizzano impostazioni di nxdumptool che interferiscono con i contenuti di NCA, ovvero quasi tutto, tranne “rimuovi dati specifici della console” e “genera dati di authoringtool”.

La modalità compatibile deve essere usata se, per qualsiasi motivo, si vogliono usare queste opzioni (suggerimento: probabilmente non lo si fa).

La modalità “None” dovrebbe essere usata solo in casi poco ortodossi, come un file NCA mal nominato in un dump RomFS: i file vengono sottoposti a hashing durante il trasferimento (cioè non vengono mai riletti dal disco) ed è molto improbabile che il calcolo del checksum abbia un impatto significativo sulla velocità di trasferimento.

Nota: I file NCA standalone non vengono mai manomessi, quindi la verifica in modalità rigorosa viene utilizzata per loro in entrambe le modalità di checksum. I file XCI non supportano una verifica aggiuntiva.

Domanda: Ricevo un errore di autorizzazione. Perché?
Risposta: L’installazione di regole speciali di udev è necessaria per l’accesso dell’utente al dispositivo. Se si usa flatpak, dovrebbe essere richiesto di farlo in modo interattivo al primo avvio; l’installazione a livello di sistema installa le regole automaticamente.

Segnalare un problema se si ritiene che le regole udev debbano essere già state installate; assicurarsi di indicare il metodo di installazione nella segnalazione.

Domanda: Perché la versione flatpak richiede l’accesso alla rete?
Risposta: Per il modo in cui gli eventi udev vengono comunicati su Linux. È possibile revocarlo manualmente, se lo si desidera, ma questo interromperà il supporto per l’hotplug dei dispositivi, vale a dire che si dovrà sempre collegare la console Switch prima di avviare il programma.

Changelog

  • Aggiunta del supporto iniziale per USB ABI 1.2.

Un supporto più completo per le nuove funzionalità dell’ABI 1.2 è in fase di lavorazione e sarà rilasciato con la versione 1.2.0.

Download: NX Dump Client v1.1.2

Download: Source code NX Dump Client v1.1.2

Fonte: github.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.