Home Homebrew Rilasciato de_Fuse ZIP v0.7

[Scena Wii U] Rilasciato de_Fuse ZIP v0.7

269
0

Pubblicato un nuovo aggiornamento in pre-release per de_Fuse ZIP, il modchip basato su de_Fuse, un difetto nella macchina a stati di lettura OTP eFuse della Wii U

Il modchip open source ci permette di ottenere l’esecuzione del boot1 iniettando un problema nella tensione poco dopo il ripristino, prima che la console inizi ad eseguire il codice.

Lo sviluppo del modchip de_Fuse ha avuto inizio su console Wii Mini, all’epoca dei fatti non ancora hackerata, nato con lo scopo di eseguire il glitch sul boot0.

Questo aggiornamento introduce il supporto per Stroopwafel, una funzionalità ancora in fase di sviluppo ma stabile, che consente la coesistenza con Aroma per l’utilizzo di homebrew.

Stroopwafel funziona in modo simile a SaltyNX, dirigendo l’esecuzione del codice a wafel_core anziché al gestore di ripristino in 0xFFFF0000. wafel_core corregge il kernel, i moduli e i segmenti IOS, per poi passare a 0xFFFF0000.

La memoria per i plugin di Stroopwafel viene prelevata dalla fine del ramdisk, da 128 MiB a 0x20000000. Per ulteriori informazioni sul bootstrap, è possibile consultare le specifiche.

I plugin di Stroopwafel sono mappati su tutti i moduli IOS, consentendo la patch del codice e la sostituzione delle funzioni. Inoltre, sono state aggiunte ulteriori mappature MMU per consentire trampolini B/BL a istruzione singola.

I plugin sono PIE (Position Independent Executable) e si riposizionano all’avvio. Inoltre, i plugin possono risolvere i simboli di altri plugin. wafel_core fornisce diverse API di base per l’applicazione di patch e la ricerca di simboli.

Al momento, wafel_core offre tutte le funzionalità precedentemente menzionate, come redNAND, semihosting e wupserver.

Nota: Questa è una versione pre-1.0 per i primi utenti che vogliono sapere se il loro RPi Pico è cablato correttamente per de_Fuse, così come per gli sviluppatori interessati al CFW coldboot. Molte cose attualmente non sono implementate e/o necessitano di miglioramenti. Tuttavia, quanto fornito è sufficiente per verificare che il Pico sia installato correttamente.

File richiesti

  • boot1.img: Immagine della scheda SD per minute_minute.
  • fw.img: Bootloader principale, minute.
  • ios.patch: Patch de_Fuse_iosuhax per 5.5.1ish, penso che tecnicamente funzionerà anche su 5.5.5?
  • otp.bin: Questo può essere scaricato tramite il menu di minute, sotto Backup and RestoreDump OTP via PRSHhax. Il menu sarà ancora disponibile se otp.bin non è presente, tuttavia IOS non sarà in grado di avviarsi.

All’interno dell’archivio .zip vengono fornite le seguenti versioni:

Passaggi

  1. Flashare il file pico_defuse.uf2 sul Raspberry Pi Pico tramite USB. Questo può essere fatto copiando il file sul dispositivo di archiviazione di massa USB che appare.
  2. Flashare il file boot1.img su di una scheda SD con almeno 1 GB di spazio di archiviazione. Alcune schede da 2 GB potrebbero funzionare, ma 1 GB sembra essere il punto debole: deve solo essere non SDHC. boot1.img include un’intestazione MBR, quindi potrebbe essere necessario formattare la partizione in FAT32 dopo il flashing per continuare. Il flashing può essere eseguito tramite win32diskimager, dd o qualsiasi altro formattatore di schede SD.
  3. Copiare i tre file fw.img, ios.patch e otp.bin nella root della scheda SD. Se non si dispone del file otp.bin, questo può essere scaricato tramite Backup and RestoreDump OTP via PRSHhax.
  4. Accendere la console Wii U. Se funziona correttamente, il LED di alimentazione lampeggerà e diventerà viola. Per impostazione predefinita, il menu minute verrà visualizzato sulla console seriale, tuttavia è possibile posizionare un file INI sulla scheda SD per attivare l’avvio automatico.

Accesso al menu minute

Per il momento è necessaria una console seriale per utilizzare il menu. Su Windows è possibile utilizzare PuTTY, su Linux/macOS è possibile utilizzare minicom (ad esempio: minicom -b 115200 -o -D /dev/cu.usbmodem11101).

minute può essere configurato per l’avvio automatico in IOS tramite sdmc:/minute/minute.ini. Per attivare il menu manualmente, premere (ma non tenere premuto) il pulsante di accensione 3-10 volte (come se stessi tentando di accedere al BIOS su un computer) o finché il menu non viene visualizzato sulla console seriale.

Da qui è possibile scambiare la scheda SD ed eseguire il backup della NAND. Per eseguire il backup di MLC, attualmente si consiglia di formattare la redNAND con una scheda SD da 64 GB, quindi copiare le partizioni dalla scheda SD.

Un esempio di avvio automatico in minute.ini è il seguente:

[boot]
autoboot = 1
autoboot_timeout = 3

Ripristino dei backup NAND

minute ora supporta il ripristino dei backup NAND, tuttavia potrebbero esserci ancora alcuni bug persistenti. fintanto che si dispone di un backup dei file SLC.RAW e SLCCMPT.RAW da qualche parte al SICURO, STARAI BENE!!

Sono riuscito a cancellare completamente il mio SLCCMPT e ripristinarlo, ma ho anche eseguito un ripristino in cui alcuni settori non si sono programmati per qualche motivo. Potrebbe essere stata solo la mia scheda SD però.

Ho intenzione di continuare a lavorare su questo, dal momento che voglio anche ripristinare un’unità la cui NAND è stata completamente cancellata senza backup. Tuttavia, lo stato attuale delle cose è come ho detto.

Una NAND corrotta apparirà come segue nei log IOSU:

  • “Attached volume to slc01 (raw)”.
  • “Attached volume to slccmpt01 (raw)”.
  • Un sacco di spam su hash errati (questo accade anche se otp.bin non è valido o azzerato).

Overclock della GPU

Dalla versione 0.5 minute include il supporto sperimentale per l’overclocking (o underclocking) della GPU Radeon specificando i parametri PLL all’interno del file ini.

Questo potrebbe potenzialmente danneggiare la console Wii U se i calcoli potrebbero risultare non corretti. La console potrebbe anche non avviarsi correttamente nel menu o potrebbe diventare instabile durante il normale utilizzo.

Panoramica degli override manuali del PLL:

div_select = ?
clkV is spread spectrum related maybe?
clkS is clock source...?

clkXtal = 27MHz
clkO = clkO0Div, clkO1Div, or clkO2Div (based on div_select)
clkF = (clkFMsb << 16) | (clkFLsb << 1)
freqMhz = clkXtal * (clkF/0x10000) / (clkR+1) / (clkO/2)

Esempio di valori INI non modificati:

; Defaults:
; GPU = 544.999878MHz
; 27 * (0x285ED0 / 0x10000) / (0+1) / (0x4/2)
[clocks]
gpu_clk_r = 0x0
gpu_clk_f = 0x285ED0
gpu_clk_s = 0x1C2
gpu_clk_v = 0x7
gpu_clk_o_0div = 0x4
gpu_clk_o_1div = 0x4
gpu_clk_o_2div = 0x0

Esempio di overclock:

; GPU = 679.999878MHz (1.25x)
; 27 * (0x325ED0 / 0x10000) / (0+1) / (0x4/2)
[clocks]
gpu_clk_f = 0x325ED0

Nota: La GPU diventa instabile a circa 770 MHz durante i miei test.

Risoluzione dei problemi

Avrai bisogno di una console seriale collegata per questo, vedere sopra per aiuto.

Se il LED della console rimane rosso dopo aver premuto il pulsante di accensione e si avvia normalmente dopo circa 30 secondi, significa che de_Fuse non è riuscito a rilevare correttamente o che la scheda SD non è valida.

Un de_Fuse riuscito ha questo aspetto:

[pico] Changed state: WIIU_STATE_POWERED_OFF -> WIIU_STATE_NEEDS_DEFUSE
Starting... 1152
Results:
Winner! 0xfb80
01
02
03
04
05
08
09
0a
0b
0c
0d
0e
13
14
15
18
1b
1c
1d
1e
1f
25
88
89
8a
...

  • Se le righe iniziali non sono 01, 02, 03, ..., significa che i GPIO DEBUG non sono cablati correttamente.
  • Se l’ultima riga è 0x1E e il codice di errore è 0x00, si tratta di una scheda SD non valida. Le schede SD non valide sembrano bloccarsi in boot0.
  • Se la riga finale è 0x25 e nell’output sono presenti 1e e 1f, significa che la scheda SD era valida, ma non è stata flashata correttamente (o altrimenti non è stata letta).
  • Se la riga finale è 0x25 e 1e e 1f NON sono nell’output, significa che il cavo EXI CLK non è collegato correttamente o c’è un problema con il cavo dati EXI.

Changelog v0.7

  • Questa è la prima versione con Stroopwafel! Il supporto è ancora in fase di sviluppo, tuttavia è stabile e consente la coesistenza con Aroma per homebrew.

Changelog v0.5.1

  • Corretto un bug in cui venivano letti solo 16 FAT ISFS su 64, che a volte causava il caricamento errato di fw.img da SLC.
  • Da @OancaAndrei: git cherry-pick‘d ripristino MLC nel menu Backup and Restore. Attualmente non supporta la scrittura SLC dalle partizioni.
  • Aggiunta l’opzione force_pause alla sezione [boot] INI, consente di mettere in pausa prima dell’avvio per lo scambio SD.

Changelog v0.5

  • Aggiunte più sicurezze intorno alla pressione dei pulsanti/SMC.
  • Corretto il problema con la formattazione redNAND che non si interrompeva correttamente al primo prompt.
  • Aggiunto il cmd della console interattiva upp/uploadpatch per il caricamento di ios.patch su seriale.
  • Aggiunto il supporto per l’overclock manuale della GPU tramite sdmc:/minute/minute.ini.

Changelog v0.3

    • boot1.img ora verifica BoardConfig CRC32 e, se non è valido, la DRAM viene inizializzata utilizzando le impostazioni predefinite di fallback.
    • Aggiunto il supporto per il dumping OTP basato su PRSHhax per tutte le versioni boot1 disponibili su CDN (prod e dev).
    • Aggiunto il dumping e il ripristino di BOOT1_SLC.RAW.
    • Aggiunto il supporto per il ripristino di seeprom.bin.
      • Questa opzione può comportare l’impossibilità di scaricare OTP tramite PRSH hax se fai qualcosa di stupido!
      • Ho aggiunto quante più misure di verifica/sicurezza possibili per assicurarmi che PRSH hax non venisse bloccato, ma alla fine è responsabilità dell’utente mantenere otp.bin e seeprom.bin al sicuro.
      • Un elenco incompleto di cose che possono smettere di funzionare in modo irreversibile se si perde il backup del file seeprom.bin e si esegue il flashing di qualcosa di errato include:
        • L’unità disco.
        • Salvataggi memorizzati su unità USB.
    • Aggiunto il supporto per la sincronizzazione delle versioni SEEPROM boot1 con NAND dopo il flashing di BOOT1_SLC.RAW.
      • Questa opzione richiede una copia del file otp.bin dalla stessa console (e questo è verificato).
    • Modificato il partizionamento redNAND per posizionare 1 MiB di spazio libero all’inizio della scheda SD per le immagini Ancast.
    • Vari miglioramenti dell’affidabilità.

Changelog v0.2

  • Hotfix: Corretto OTP che non scaricava senza otp.bin sulla scheda SD (lol).
  • Dumping OTP tramite Backup and Restore>Dump OTP via PRSHhax.
  • Ripristino di SLC.RAW e SLCCMPT.RAW, tramite Backup and Restore.
  • Input console seriale più veloce/più affidabile.
  • Un chainloader seriale fw.img per minute_minute dev.
    • Imposta env var MINUTE_MINUTE_FW_IMG sul percorso assoluto di fw.img.

Download: de_fuse v0.7

Download: Source code de_fuse v0.7

Fonte: twitter.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.