Home Homebrew Ecco cosa è possibile fare in questo momento sulla console PS5...

[Scena PS5] Ecco cosa è possibile fare in questo momento sulla console PS5 con il kernel exploit sperimentale

427
1

Il developer notzecoxao cerca di chiarire cosa è possibile fare e cosa non è possibile fare con la pubblicazione del recente kernel exploit sperimentale della console PlayStation 5.

Un breve riassunto, la strategia dell’exploit prende base da un precedente PoC BSD/PS4 scovato dal developer TheFlow, sono bastate solo alcune modifiche per adattarlo al layout della memoria PS5.

L’exploit stabilisce una primitiva di lettura/scrittura (semi-arbitraria) arbitraria, mentre si dimostrerebbe limitato nelle sue capacità. Da qui le dichiarazioni riportate da zecoxao su twitter.

Il kernel exploit permetterebbe di scaricare i dati del kernel, attivare le impostazioni di Debug (Debug Settings), sfuggire alla sandbox e ottenere i crediti massimi (è possibile sfruttare l’exploit per scaricare le risorse di gioco ma non i moduli di gioco stessi).

Probabilmente è possibile dumpare anche la memoria sflash0 oltre ad altre partizioni importanti (coreos, ssd, ecc..).

Tuttavia allo stato attuale non è possibile dumpare i moduli di gioco e gli eseguibili (decrittografati), dumpare i moduli di sistema come SceShellCore.elf (decrittografato) e patchare il kernel .text (farlo in modo efficace consentirebbe HEN, impossibile allo stato attuale).

Molte testate hanno erroneamente descritto il kernel exploit come un vero e proprio jailbreak, tuttavia è bene precisare come non sia ancora possibile eseguire applicazioni homebrew o backup di giochi, sebbene il modder Lance McDonald abbia dimostrato come sia possibile installare il file PKG della demo P.T.

Fonte: twitter.com

Articolo precedente[Scena PS5] Il developer Sleirsgoevy tenta di eseguire codice per sfuggire all’App Sandbox all’interno della catena di exploit BD-JB
Articolo successivo[Scena PS5] Rilasciato PS5 rootvnode listdir PoC
Sono Nato nel 1980 e da diversi anni coltivo la passione per tutto ciò che riguarda il mondo dei videogiochi, ho vissuto l'era degli home computer con il Commodore 64 e l'Amiga 500, da sempre appassionato di giochi di ruolo e di titoli di avventura.