Home News VitaDock VLC Final disponibile ora – costruisci la tua Docking Station...

[Scena PS Vita] VitaDock VLC Final disponibile ora – costruisci la tua Docking Station con un semplice Raspberry Pi

341
0

Sembra che non sia andata a buon fine la raccolta fondi su indiegogo del VitaDock, difatti il developer xCorra ha eliminato tutti i propri contatti dalla rete mandando in fumo il progetto.

Alcuni collaboratori hanno mal digerito la fuga del developer xCorra decidendo così di condividere l’intero progetto e incoraggiando gli utenti a costruire da soli il proprio VitaDock.

A farsi avanti per primo il developer Crash-Cortez che ha pubblicato la versione finale del software VitaDock VLC, utile per coloro che vogliono realizzare il proprio dock, questa versione per il momento utilizza VLC prima di passare a creare versioni che utilizzano invece mpv.

VitaDock è uno dei progetti più ambiziosi mai pensati per la console portatile Sony, si tratta di un vero e proprio Dock simile a quello utilizzato dalla console Nintendo Switch.

Il dock, alimentato da un Raspberry Pi, presenta una porta HDMI, utile per collegare la console portatile al grande schermo, una porta USB, utilizzata per collegare alla base la console PlayStation Vita e il jack per il collegamento audio (cuffie/bluetooth).

Lo streaming avviene invece attraverso l’utilizzo del plugin udcd_uvc sviluppato dal developer Xerpi. Il potente plugin ci permette di impostare la console portatile come un dispositivo USB Video Class inviando le immagini sul grande schermo del televisore di casa.

L’immagine VitaDock VLC include molte utility essenziali integrate insieme a un sacco di script. Questa immagine, creata con l’aiuto di m0tie, include le seguenti funzionalità:

  • Una build personalizzata di VLC configurata con impostazioni ottimali per lo streaming dello schermo della PlayStation Vita.
  • Software per la ricezione dell’audio dalla PlayStation Vita tramite Bluetooth.
    • Ciò elimina la necessità di dover collegare la console tramite il jack audio da 3,5 mm,
    • C’è il supporto per il chipset Bluetooth interno di RPi 3B+, 3A+ e 4 ma non per 3B.
  • Una tastiera su schermo per una gestione più semplice.
  • La possibilità di avviare e arrestare automaticamente il flusso VLC quando si collega o si estrae PSVita
  • Abilita / disabilita gli script per il video di avvio, la notifica Vita e il testo di avvio
  • Client SSH integrato e FileZilla installati
  • Il nome utente e la password per SSH si trovano nel link seguente

Raspberry Pi supportati

Questa versione del software VitaDock supporta i seguenti modelli Raspberry Pi:

  • Raspberry Pi 3A+
  • Raspberry Pi 3B+
  • Raspberry Pi 4B
  • Raspberry Pi 3B ma è necessario un dongle Bluetooth per ottenere l’audio wireless.
  • Crash-Cortez ha affermato che sono in corso test per il supporto del Raspberry Pi 2, ma le indicazioni attuali mostrano che il dispositivo è un po’ troppo poco potente.
  • Una versione di prova del software VitaDock è disponibile anche per RPi Zero.

Secondo i test di Crash Cortez su di un Raspberry Pi 3A+, questa build offre una latenza piuttosto bassa, questo gli ha permesso di giocare in modo divertente a Dragon’s Lair, un titolo che richiede la pressione di pulsanti in determinati momenti.

Per utilizzarlo sul tuo Raspberry Pi, devi semplicemente scrivere l’immagine su di una scheda SD utilizzando uno strumento come Rufus o Etcher e seguire le istruzioni visualizzate sullo schermo.

Crash-Cortez sconsiglia di aggiornare quando si utilizza l’immagine di VitaDock VLC in quanto ciò potrebbe cancellare i file di configurazione speciali che contiene l’immagine.

Pagina del progetto e codice sorgente di VitaDock VLC

Fonte: wololo.net

[Scena PS Vita] VitaDock VLC Final disponibile ora – costruisci la tua Docking Station con un semplice Raspberry Pi ultima modifica: 2019-11-15T22:33:20+01:00 da Francesco Lanzillotta
Articolo precedente[Scena Switch] Rilasciato Sys-con v0.5.0
Articolo successivoThe Messenger gratuito su Epic Games Store, scaricalo ora
Sono Nato nel 1980 e da diversi anni coltivo la passione per tutto ciò che riguarda il mondo dei videogiochi, ho vissuto l'era degli home computer con il Commodore 64 e l'Amiga 500, da sempre appassionato di giochi di ruolo e di titoli di avventura.