Rilasciato retroArch v1.7.6 ora disponibile anche per PlayStation 2, PlayStation 4, Xbox One e tvOS

Disponibile un nuovo interessantissimo aggiornamento per il frontend retroArch, che ora grazie all’aiuto di alcuni sviluppatori esterni può essere eseguito anche su console PlayStation 2, Xbox One e PlayStation 4.

La versione per PlayStation 2 è stata realizzata dal developer Francisco J. T.M. anche se (al momento) possono essere eseguiti solo quattro core, si tratta di 2048, FCEUmm (emulatore NES), QuickNES (emulatore NES) e Picodrive (Mega Drive/Genesis/Master System).

[stextbox id=’info’]Nota: Per poter eseguire i core Picodrive e FCEUmm a piena velocità dovrete disattivare la sincronizzazione verticale (Vsync). Per quanto riguarda invece QuickNES, il core funziona a piena velocità anche con la sincronizzazione verticale attiva.[/stextbox]

Esecuzione su PlayStation 2

Per poter eseguire retroArch su PlayStation 2, la console deve essere in grado di avviare gli homebrew. La guida in basso presume l’utilizzo della modifica software FreeMcBoot.

  • Accendere la PlayStation 2.
  • Eseguire un qualsiasi gestore di file come LaunchELF.
  • Ora andate ad estrarre l’intero contenuto dell’archivio RetroArch_elf.7z per PlayStation 2 all’interno di una pendrive e inseritelo nella porta USB della console.
  • All’interno di LaunchELF, navigare all’interno della directory mass:/.
  • Eseguire uno dei qualsiasi file ELF a seconda del core che si desidera utilizzare.

Porting per PlayStation 4

Il porting di retroArch su console PlayStation 4 è stato realizzato da alcuni sviluppatori esterni, come Frangarcj e Big Boss. Per il momento il frontend riesce ad eseguire giusto una manciata di core, come SameBoy e 2048.

Il porting per PlayStation 4 utilizza un SDK homebrew chiamato liborbis e solo grazie a questo SDK che possiamo andare ad utilizzare le API OpenGL ES 2.0 su PlayStation 4.

Questo significa che già dal primo giorno avremo a disposizione un driver GL pienamente funzionante e che potrà essere eseguito con i driver XMB/MaterialUI/RGUI. Anche i core potranno beneficiare dell’accelerazione hardware.

Frangarcj intende pazientare ancora un po’ prima di pubblicare retroArch su PlayStation 4, almeno fino a quando non verrà introdotto il supporto per il formato OELF all’interno dell’SDK liborbis.

Nota: RetroArch su console PlayStation 4 può essere eseguito solo su console jailbroken montanti firmware 4.55 o firmware 5.05.

Porting per Xbox One

Il porting di retroArch su console Xbox One è stato realizzato dal developer krzys_h, deluso dalle prestazioni limitate di RetriX (un altro frontend UWP simile in parte a retroArch ma con funzioni limitate).

RetroArch per console Xbox One utilizza il driver Direct3D 11 (mentre Direct3D 12 per qualche strano motivo soffre di un calo delle prestazioni, per questo non viene utilizzato).

Attualmente retroArch per Xbox One supporta i driver Direct3D 11 per i video, xinput per i joystick, le API WinRT per tastiera, mouse e input touch e xaudio2 per il suono (wasapi invece deve essere completamente riscritto utilizzando le API WinRT).

Per poter utilizzare RetroArch su Xbox One, è sufficiente attivare la modalità sviluppatore, mentre NON è necessario eseguire alcuna modifica della console, il che rende RetroArch un’opzione molto fattibile per i profani.

Si noti che se si desidera utilizzare RetroArch, sarà necessario riavviare la console in Modalità sviluppatore. Quando invece si vuole tornare a giocare ai giochi normali, bisogna passare nuovamente in modalità Retail.

Anche krzys_h intende pazientare ancora un po’ prima di pubblicare questa nuova versione, se avete comunque intenzione di provarla, cercate una build non ufficiale disponibile in rete.

Porting Apple TV/tvOS

Il porting di retroArch su Apple TV/tvOS è stato realizzato dal developer yoshisuga, in questo il frontend viene alimentato dal driver video OpenGL per il rendering e sta utilizzando il driver del menu Ozone per impostazione predefinita.

Previsto il supporto per Metal, e ci sono altri sviluppatori che hanno interesse a farlo mentre Apple ha già iniziato a deprecare OpenGL come gli ultimi SDK Xcode.

Come usare/installare

Di seguito è riportata una guida per gli sviluppatori per l’installazione di RetroArch sui dispositivi iOS non jailbroken. Cercheremo di migliorare il processo e possibilmente includere i core iOS in un download, ma fino ad allora, ecco un modo per creare RetroArch e farlo funzionare su iPhone, iPad o Apple TV.

https://docs.libretro.com/guides/install-ios/

Ozone – un nuovo driver menu

Ozone è un nuovo driver menu realizzato da natinusala e basato sull’interfaccia utente della console Nintendo Switch.

Questo nuovo menu presenta una barra laterale con delle schede che riportano le funzioni già presenti all’interno del frontend retroArch, quali Main Menu, Settings, Favorites, History, Netplay Rooms, Import content e tutte le altre playlist.

Per navigare tra le voci principali e la barra laterale è possibile utilizzare i tasti sinistra/destra. Il driver visualizza anche il tempo e il livello della batteria nella barra di stato, se applicabile.

Infine, la tastiera virtuale è stata ridisegnata per assomigliare più a quella del sistema operativo della Switch. Il driver ha due temi diversi, uno light (chiaro) e uno dark (scuro).

La configurazione utilizzerà per impostazione predefinita il tema scuro, ma puoi selezionare quale utilizzare in Impostazioni > Interfaccia utente > Aspetto> Tema colore menu. Sulla Switch, verrà utilizzato in automatico il tema di sistema!

Ozone è disponibile su tutte le piattaforme con accelerazione hardware (presupponendo che si utilizzi il driver video corretto) ed è anche selezionato per impostazione predefinita sulla piattaforma Switch.

Se il dispositivo supporta XMB e GLUI/MaterialUI, supporterà Ozone, ad eccezione di Android (vedere le funzionalità mancanti di seguito). Puoi persino scegliere di utilizzarlo su Lakka!

Il driver è pronto per essere utilizzato, ma manca ancora alcune funzionalità come:

  • visualizzazione miniature (entrambe le playlist e gli stati di salvataggio).
  • Ridimensionamento DPI (il menu apparirà molto piccolo su di un monitor 4K e abbastanza grande su di uno schermo a 360p).
  • supporto per touchscreen e mouse.
  • layout verticale (per telefoni cellulari).

Tutte queste funzionalità verranno aggiunte nel tempo. Le cose belle sono programmate per il futuro di Ozone!

Miglioramenti RGUI

Scritto dall’autore jdgleaver

RGUI ora ha un nuovo formato di file di configurazione ‘theme preset’ (ad esempio my_theme.cfg). Questo file di configurazione ha il seguente contenuto:

rgui_entry_normal_color = "0xAARRGGBB"
rgui_entry_hover_color = "0xAARRGGBB"
rgui_title_color = "0xAARRGGBB"
rgui_bg_dark_color = "0xAARRGGBB"
rgui_bg_light_color = "0xAARRGGBB"
rgui_border_dark_color = "0xAARRGGBB"
rgui_border_light_color = "0xAARRGGBB"
rgui_wallpaper = "wallpaper_file.png"

Questo aggiunge anche il supporto per i wallpaper. rgui_wallpaper è il percorso (relativo) di un file di sfondo adatto. Se viene omesso (o lasciato vuoto), non viene utilizzato alcun sfondo. I file di sfondo devono avere le seguenti proprietà:

  • Una risoluzione esatta di 320 × 240.
  • Devono essere pre-convertiti in una profondità di colore ridotta di 4 bit per pixel.

Nota: I normali colori di sfondo/bordo vengono ancora utilizzati per le finestre di messaggio e lo sfondo del titolo quando si visualizzano le anteprime: sembra migliore in questo modo!

I file di preimpostazione dei temi possono essere caricati tramite una nuova opzione ‘Custom Menu Theme Preset’ in ‘Interfaccia utente > Aspetto’. Sono abilitati impostando ‘Menu Tema colore’ su ‘Personalizzato’.

Una piccola raccolta di temi è stata aggiunta come risorsa, ecco alcuni screenshot di come appaiono i file .cfg inclusi:

Discord matchmaking

Ora è possibile utilizzare il server Discord di RetroArch per scopi di matchmaking! Di seguito viene descritto il processo su PC Windows (su Linux/OSX è possibile ignorare il passaggio 6, sarà necessario continuare ad avviare RetroArch prima di eseguire l’applicazione Discord, altrimenti non funzionerà).

Nota: Il matchmaking di Discord non funziona attraverso il browser web. Dovrete invece utilizzare l’app per desktop Discord.

Nota²: Il port forwarding deve essere abilitato sul router affinché funzioni correttamente.

  1. Come prima cosa assicuratevi che il gioco che si intende eseguire con un amico sia già stato scansionato e si trovi all’interno di una playlist. In alternativa, dovrete assicurarvi che il gioco sia presente all’interno della cronologia recente.
  2. Eseguite RetroArch prima di avviare l’applicazione desktop Discord.
  3. Assicuratevi di avere entrambi lo stesso core. Puoi riconoscerlo selezionando l’utente Discord e facendo clic su di esso. Vedrete il nome del core e il gioco che si sta giocando.
  4. Fate clic sul pulsante ‘Ask to Join’.
  5. Vedrete apparire il messaggio ‘waiting for user’s game’. Se tutto va bene, il gioco inizierà ora e potrete giocare a un gioco in rete con il tuo amico.
  6. (solo Windows) Da ora in poi, non è più necessario avviare RetroArch prima di eseguire il client desktop di Discord. Puoi semplicemente selezionare ‘Ask to Join’ e RetroArch verrà eseguito automaticamente.

Anche il matchmaking di Discord utilizzerà automaticamente il tuo nome utente Discord per la sessione di gioco.

Changelog generale

  • ANDROID: Corretto l’input su Xperia Play.
  • CHEEVOS: Ripristino quando la modalità hardcore è attivata.
  • CHEEVOS: Aggiornati i metodi di hashing per identificare i giochi NES, SNES e Lynx (più precisi e accettando le ROM senza header).
  • COMMON: Aggiunto un nuovo formato di playlist JSON.
  • COMMON: Corretto il danneggiamento della playlist durante l’eliminazione degli elementi.
  • COMMON: Calcolo della visualizzazione dello stato di avanzamento dell’archivio.
  • COMMON: Aggiustate le voci della playlist che appaiono con nomi usati in precedenza.
  • COMMON: Corretto screenshot filename senza core o contenuto.
  • COMMON: Consente la compilazione senza supporto menu.
  • CORE UPDATER: Consente il sideloading core dal menu.
  • CPU FILTERS: Aggiunto il filtro Normal2x.
  • CRT/LINUX: Parzialmente implementato un nuovo metodo di commutazione Linux .
  • CRT/LINUX: Corretta la risoluzione del desktop per il ripristino di Linux.
  • CRT/LINUX: Monitora il cambio dell’indice e l’enumerazione automatica per il rilevamento dell’output in Linux (funziona ancora con il metodo Windows).
  • CRT/RASPBERRY PI: Supporto iniziale.
  • DATA: Aggiunte le opzioni di stile Data/Ora.
  • DEBUGGING: Aggiunto un gestore di crash integrato per le build di debug (vedi https://docs.libretro.com/tech/debugging).
  • DISCORD: Discord matchmaking.
  • DISCORD: Registra correttamente il nome dell’applicazione.
  • DISK CONTROL: Ricorda l’ultima cartella utilizzata/la cartella attiva corrente per rendere più veloce lo scambio di dischi.
  • INPUT: Aggiunto un nuovo menu a levetta (tieni premuto il pulsante start per 2 secondi).
  • INPUT: I tasti freccia corretti venivano erroneamente associati come tasti del tastierino numerico.
  • INPUT/SDL: Azzera gli eventi del joypad. Riduce l’utilizzo della CPU nel tempo con il driver del joypad SDL.
  • LOCALIZATION: Aggiunta la traduzione greca.
  • LOCALIZATION: Aggiornata traduzione in tedesco.
  • LOCALIZATION: Aggiornata traduzione italiana.
  • LOCALIZATION: Aggiornata traduzione giapponese.
  • LOCALIZATION: Aggiornata traduzione in cinese semplificato.
  • LOCALIZATION: Aggiornata traduzione in spagnolo.
  • MENU: Nuovo driver di menu “Ozone”.
  • MENU: Mostra solo CRT SwitchRes se il server di visualizzazione video è implementato (Windows/Linux per ora).
  • MENU: Interfaccia utente -> Aspetto -> Le impostazioni del menu “Font Green/Blue Color” ora funzionano correttamente.
  • MENU: Aggiunta l’opzione per abilitare gli effetti sonori nel menu.
  • MENU/D3D: Supporto scissoring (verrà utilizzato per Ozone e widget di menu).
  • MENU/QT/WIMP: Consente la creazione con MSVC2017.
  • MENU/QT/WIMP: Aggiunta una tabella dettagliata del browser dei file.
  • MENU/QT/WIMP: Nuova implementazione della visualizzazione a griglia che è più veloce e carica le miniature su richiesta.
  • MENU/QT/WIMP: Supporto per il trascinamento delle miniature.
  • MENU/RGUI: Esegue l’aggiornamento dell’interfaccia del tema personalizzato + aggiunto il supporto per lo sfondo.
  • MENU/RGUI: Supporto per miniature e downscaling delle miniature.
  • MENU: Nasconde i valori della password.
  • MENU/SUONI: Implementati effetti sonori nel menu (non abilitato di default per ora, ancora sperimentale).
  • MIDI: Aggiunto un driver ALSA Linux per MIDI.
  • NETPLAY: Forza gli stati di salvataggio veloce quando netplay è abilitato.
  • NETPLAY: Consente di unire rapidamente le lobby del sottosistema.
  • OSX: Driver audio CoreAudio V3 iniziale (non ancora utilizzato nelle versioni di rilascio).
  • OSX: Supporto per core OpenGL 3.2 Core.
  • PS2: Porting iniziale per PlayStation 2.
  • PS4: Porting iniziale per PlayStation 4.
  • RECORDING: Implementate le opzioni di registrazione nel menu completo di profili di qualità, streaming e corretta denominazione dei file
  • SCANNER: Corretta la scansione del disco GDI.
  • SHADERS: Corretto il caricamento predefinito dello shader automatico su D3D10, D3D11, D3D12.
  • SUBSYSTEM: Consente più di 10 sottosistemi.
  • SUBSYSTEM: I core che utilizzano il sottosistema per scenari complessi ora possono caricare il contenuto senza prima avviare un contenuto regolare.
  • SUBSYSTEM: Ricorda l’ultima cartella utilizzata per rendere più veloce il contenuto del sottosistema di caricamento.
  • SWITCH/LIBNX: Migliorato il calcolo del ridimensionamento touch.
  • SWITCH: Etichette dei pulsanti appropriate.
  • TVOS: Porting iniziale per tvOS.
  • VULKAN: Correzione degli arresti anomali per RGUI all’avvio.
  • VULKAN/RGUI: Abilitata l’opzione ‘Menu Linear Filter’.
  • VULKAN: Correzione degli schermi secondari nelle sovrapposizioni non funzionanti.
  • WAYLAND: Implementato il supporto di inibizione inattiva (necessario per la sospensione dello screensaver).
  • WAYLAND: Corretta funzione FullScreen.
  • WIIU: Supporto netplay peer-to-peer iniziale. Funzionamento delle informazioni di rete.
  • WINDOWS/WSA: Le informazioni sulla rete sono vuote fino alla prima operazione di rete.
  • WINDOWS: Corretto un vecchio bug che causava mappature errate con le frecce della tastiera.
  • WINDOWS: Ricorda le dimensioni e la posizione della finestra.
  • WINDOWS: le connessioni SSL/TLS ora funzionano correttamente.
  • WINDOWS: Ritorno al driver GDI se non viene trovato alcun driver grafico accelerato.
  • UWP: Porting UWP iniziale.
  • VFS: Aggiornamento alla versione 3.
  • XBONE: Porting iniziale per Xbox One.
  • XMB/OZONE: aggiunte più icone.
  • XMB: Aggiunto tema invertito automatico.
  • ???: Easter Egg.

Download: retroArch v1.7.6 (per tutte le piattaforme)

Fonte: libretro.com

(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *