Home Emulatori Disponibile la terza revisione della distro psxitarch

[Scena PS4] Disponibile la terza revisione della distro psxitarch [link aggiornati]

639
0

Sono passati quasi due anni dalla seconda revisione di psxitarch, la distro pubblicata dal team PSXITA per console PlayStation 4 e PlayStation 4 Pro ha ricevuto oggi un nuovo e interessantissimo aggiornamento.



Questa è probabilmente la distro più leggera mai pubblicata dal team PSXITA, in quanto necessita di appena 370 MB di RAM per poter funzionare.

Caratteristiche

  • Sistema aggiornato ad oggi.
  • Driver mesa aggiornati alla versione 22.2.0_devel. *
  • Possibilità di passare al volo da Vulkan (ACO) a Vulkan (LLVM).
  • Script per configurare il TearFree.
  • Ps4fancontrol integrato nella distro. Viene avviato automaticamente all’avvio della distro e setta la temperatura di soglia desiderata. In caso di spegnimento della console o di ritorno a ORBIS OS resetta temporaneamente la soglia a quella di default. Non è quindi necessario rimuovere la spina elettrica per resettare la ventola.
  • Script per settare facilmente la lingua di sistema.
  • Script per settare il layout della tastiera per xorg e vconsole.
  • Script per montare la partizione user dell’hd interno della PS4 se il kernel in uso lo supporta.
  • Il menù delle applicazioni si aggiorna automaticamente dopo aver installato o rimosso un’applicazione.
  • Keyboard shortcuts per abilitare e disabilitare il segnale video. Nel caso di schermata nera dopo aver spento/riacceso la TV o cambiato sorgente video o rimosso il cavo hdmi o per qualsiasi altro motivo potete far tornare il segnale video premendo la combinazione di tasti ALT+F11 e ALT+F12. Nel caso non funzionasse potete utilizzare la combinazione ALT+F1 e ALT+F2.
  • Script per abilitare e disabilitare il desktop.
  • L’ora si aggiorna automaticamente dopo aver connesso la console alla rete.
  • Possibilità di cambiare il colore del LED della PS4.
  • Premendo la combinazione di tasti ALT+F6 è possibile acquisire uno screenshot.
  • Lo script d’installazione ora allinea correttamente le partizioni (grazie a Hippie per avercelo fatto notare) e segnala se non si ha formattato correttamente il dispositivo USB.
  • Login automatico.
  • Altro..

Programmi installati

  • Duckstation (PS1, va alla grande, alcuni giochi girano a più di 4k).
  • Dolphin-emu (Gamecube, Wii).
  • Mupen64plus (Nintendo 64).
  • PPSSPP (PSP).
  • Retroarch (Multi-Emu, sono pre-installati solo una manciata di core ma potete installare quelli che volete andando nel menù “Online Update > Download Cores”).
  • Steam (se dovete solamente eseguire un gioco da steam, per risparmiare un bel po’ di ram, andate nel menù “Visualizza”, selezionate “Modalità piccola” e riavviate steam selezionando dal menù applicazioni “Steam (No Browser)”.
  • Cemu (Wii-u, le performance ovviamente non sono granchè ma su PS4 PRO è possibile giocare decentemente a una manciata di titoli).

Windows Manager: jwm
Web Browser: chromium
File Manager: pcmanfm
Text Editor: leafpad
Gestore Archivi: xarchiver
Gestore connessioni di rete: networkmanager
Gestore bluetooth: blueman
Visualizzatore Immagini: gpicview
Player Video/Musica: vlc
Emulatore di Terminale: lxterminal, xterm
Editor Partizioni: gparted
Gestore periferiche audio: pavucontrol
Visualizzatore PDF: epdfviewer
Wine (Avvia applicazioni Windows)
Altro..

Requisiti

Installazione

  1. Formattare il dispositivo USB in FAT32 (NON EXFAT!), il dispositivo USB deve avere una sola partizione e la tabella delle partizioni deve essere mbr (MS-DOS (FAT32)). MBR ricordatelo, è fondamentale.
  2. Se avete collegato il PSVR scollegatelo, togliete anche l’unità processore (PU), tenete collegata al televisore solamente la PS4.
  3. Andate nelle impostazioni audio/video della ps4 e settate la risoluzione a 1080p.
  4. Andate nelle impostazioni di sistema e disabilitate Abilita collegamento hdmiAbilita hdcp
  5. Copiate sulla root del dispositivo USB i file bzImage, intramfs.cpio.gz e psxitarch.tar.gz.
  6. Collegate il dispositivo USB nella PS4.
  7. Collegate mouse e tastiera.
  8. Avviate il payload VRAM 1GB (dopo l’installazione potete utilizzare quello che preferite). Se avviate il payload dal PC assicuratevi di utilizzare sulla PS4 miraloader NON binloader.
  9. Dopo qualche secondo la PS4 dovrebbe riavviarsi, aspettate fino a quando non appare la scritta rescueshell
  10. Scrivete exec install-psxitarch.sh per iniziare l’installazione di psxitarch linux.
  11. Aspettate, dovreste vedere una lunga lista di file che vengono copiati sull’ USB, al termine (dopo circa 10/15 minuti con un ssd) la distro dovrebbe avviarsi automaticamente. Se non si avvia scrivete exec start-psxitarch.sh, se ancora non fa il boot riscrivete lo stesso comando. Dal prossimo riavvio la distro si avvierà automaticamente.
  12. Enjoy.

La distro non richiede di inserire username e password al login ma vi serviranno nel caso vorreste ottenere i permessi di root:

username: psxita
password: changeit

PROBLEMI CONOSCIUTI E POSSIBILI SOLUZIONI

I problemi sono i soliti noti, non relativi alla distro ma al kernel.

  • C’è un problema presente fin dai primissimi kernel, quando un cavo ethernet è collegato alla console il consumo di uno dei core della CPU balza al 100%, per ovviare al problema (se non avete bisogno di una connessione) rimuovete il cavo ethernet.
  • Alcuni monitor e TV con strane risoluzioni potrebbero dare problemi e non visualizzare nulla a schermo, se ne avete la possibilità provate un’altra TV.
  • Se lo schermo diventa nero perchè avete spento la TV o cambiato sorgente video o per qualsiasi altro motivo, provate a premere la combinazione di tasti ALT+F11 e dopo qualche secondo ALT+F12, se questo non dovesse funzionare provate con ALT+F1 e ALT+F2.
  • Se mentre usate i driver Vulkan notate dei glitch video provate a passare a un diverso compiler (nel menù applicazioni sotto a “Sistema” trovate uno script che permette di cambiare il compiler da ACO a LLVM), dopo aver cambiato il compiler riavviate l’applicazione o gioco.
  • I drivers wifi/bt sono buggati, la scheda wifi e/o bluetooth potrebbe non essere rilevata o crashare, nel caso provate a riavviare la console, disattivare la rete e lanciare linux utilizzando la cache. Se questo non funziona purtroppo c’è poco da fare, bisogna sperare che qualcuno metta mano ai drivers.
  • In rari casi i dispositivi usb (mouse, tastiera, ..) potrebbero non essere rilevati, nel caso riavviate la console.

Nota: Le versioni mesa maggiori alla 22.2.0-devel hanno dei problemi che fanno si che Vulkan con il compiler ACO non funzioni, al momento non abbiamo trovato una soluzione, nessuna promessa, ma continueremo a darci un’occhiata.

Fonte: twitter.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.