Home Emulatori Un proof of concept per portare Horizon OS nativamente su ARM64 Linux

Un proof of concept per portare Horizon OS nativamente su ARM64 Linux

209
1

Il developer kentjhall annuncia lo sviluppo di un nuovo kernel Linux ARM64 con patch che integra alcune delle chiamate di sistema contenute in Horizon OS (il sistema operativo della console Switch).

Quello a cui stiamo per assistere ha dell’incredibile, eseguire il software della console Switch in modo nativo riutilizzando anche alcune parti contenute all’interno dell’emulatore Yuzu e un servizio systemd conosciuto come “mizu”.

Tutti i più ben noti servizi di sistema della console Switch vengono emulati permanentemente in background all’interno di Mizu in Horizon Linux.

La motivazione è ben più che valida, lo sviluppatore intende eseguire il software della console Switch in modo nativo sul suo Macbook Pro con il chip Apple M1 basato su ARM, che ha appunto la stessa architettura.

A questo proposito, è richiesta una minore potenza di calcolo, poiché la maggior parte del codice non deve essere emulata, ma può funzionare nativamente sul chip.

I due video mostrano l’homebrew game 2048 e il più classico Puyo Puyo: Tetris in esecuzione su di una versione virtualizzata di Fedora con Horizon Linux.

Sfortunatamente, le prestazioni risultano piuttosto scarse, questo perché l’emulazione della GPU di Yuzu richiede OpenGL 4.6, che non è supportato da macOS e che quindi utilizza solo la CPU per l’emulazione grafica.

Questo non cambierà, almeno fino a quando le macchine virtuali su macOS non supporteranno OpenGL 4.6 o anche Vulkan 1.1.

Fortunatamente tutto questo non è collegato al solo sistema macOS, in un terzo video viene mostrato Puyo Puyo: Tetris su di una Jetson Nano Board, che supporta detta versione OpenGL e l’accelerazione GPU.

I repository del progetto

Fonte: wiidatabase.de

Articolo precedente[Scena DS] Rilasciato NitroSwan v0.4.1
Articolo successivoCompletato e pubblicato il progetto di decompilazione di Sonic Mania
Sono Nato nel 1980 e da diversi anni coltivo la passione per tutto ciò che riguarda il mondo dei videogiochi, ho vissuto l'era degli home computer con il Commodore 64 e l'Amiga 500, da sempre appassionato di giochi di ruolo e di titoli di avventura.