Home Homebrew Rilasciato UDPIH Payload Release 1

[Scena Wii U] Rilasciato UDPIH Payload Release 1

100
0

Il developer GaryOderNichts viene incontro a tutte quelle persone che non hanno accesso ad un Raspberry Pi per poter sfruttare l’exploit UDPIH sulla console Wii U pubblicando una primissima versione di UDPIH Payload per console Switch modificate.

L’exploit UDPIH (acronimo di USB Descriptor Parsing Is Hard) sfrutta una svista nello stack host USB della console Wii U per eseguire codice all’avvio.

Per utilizzarlo non dovrete fare altro che scaricare il payload su PC e iniettarlo sulla console Switch tramite Fusée Gelée, una volta fatto questo bisogna selezionare la voce “Run UDPIH gadget” premendo il tasto “POWER”.

Posizionare il menu di ripristino all’interno della scheda SD della console Wii U, accenderla, e appena vedrete apparire il logo Wii U, collegare la console Switch ad una delle porte USB anteriori della console.

Boot da Recovery Menu

  • Copiare l’ultima versione di recovery_menu all’interno della scheda SD formattata FAT32.
  • Inserire la scheda SD nella console e accenderla.
  • Non appena si intravede il logo “Wii U” sulla TV o sul gamepad, collegare il dispositivo Zero/Pico.
    • Questo tempismo è importante. Se sei già nel menu, l’exploit non funzionerà..
  • Dopo alcuni secondi dovresti essere nel menu di ripristino.

Controllare il README del recovery_menu per maggiori informazioni su questo menu.

Note

  • Assicurati che nessun altro dispositivo USB sia collegato alla console.
  • Utilizzare solo le porte USB sulla parte anteriore della console, le porte posteriori non funzioneranno.
  • Se la console ha la modalità standby abilitata, staccare la spina di alimentazione e accendila da uno stato di avvio a freddo completo.

Download: UDPIH Payload Release 1

Download: Source code UDPIH Payload Release 1

Fonte: wiidatabase.de

Articolo precedente[Scena PS Vita] Rilasciato pkg2zip v2.4
Articolo successivoRilasciato TWiLight Menu++ v24.9.1 e nds-bootstrap v0.58.1 [aggiornato x1]
Sono Nato nel 1980 e da diversi anni coltivo la passione per tutto ciò che riguarda il mondo dei videogiochi, ho vissuto l'era degli home computer con il Commodore 64 e l'Amiga 500, da sempre appassionato di giochi di ruolo e di titoli di avventura.