Sony VS Hacking: in arrivo il riconoscimento biometrico

Come ogni azienda che si rispetti, anche Sony è in cerca di sistemi sempre più avanzati per contrastare i vari pericoli informatici che arrivano dal mondo dell’hacking generale. In questi ultimi anni sono stati introdotti i pass on-line, per accedere al multiplayer del gioco. Questa caratteristica a fatto si che in molti, in questi giorni, non abbiano potuto usufruire del live di FIFA 13 su CFW. Questo può essere visto come una vittoria da parte di Sony, ma sappiamo benissimo che tali protezioni possono essere superate con la creazione di pass falsi dai vari “smanettoni” del settore.

Per questo motivo Sony sta pensando di implementare, sulle prossime console, il riconoscimento biometrico.

Come molti di voi sapranno, il riconoscimento biometrico aiuta molte…

aziende che sviluppano dispositivi di sicurezza. E’ in pratica un dispositivo che può riconoscere, tramite uno scanner, le nostre impronte digitali, la nostra retina, i nostri lineamenti del viso e quelli della nostra mano.

Ma come verrà implementata tale caratteristica sulle console?

Sony sta pensando di inserire il riconoscimento biometrico sulle varie console, per contrastare la pirateria (o cercare di farlo), tramite codici attribuiti a una sola persona. Per spigarsi meglio, il gioco che andremo a comprare avrà un codice di riconoscimento univoco, e sarà attribuito alla prima persona che lo lancerà tramite la propria console, che a sua volta avrà salvato i vostri dati biometrici.

Questa caratteristica farà si che solamente voi possiate avviare la console, dando la possibilità a Sony di scovarvi se userete la console per azioni di hacking.

Giusto? Sbagliato?

Beh, per quanto riguarda la nostra privacy, sicuramente una bella botta. Questo vorrebbe dire essere “perseguitati” da Sony, che controllerà ogni nostra singola mossa eseguita sulla console.

Sul lato sicurezza, volgiamo pensare che, ristringendo il campo di possibilità ad eseguire operazioni hacking, ma sopratutto , mettendo timore addosso ai vari utenti, la percentuale di manomissioni sulla console possa calare, anche se saranno sicuramente trovati nuovi sistemi per ovviare anche a tale riconoscimento biometrico.

Fateci sapere la vostra opinione.

(Visited 28 times, 1 visits today)

4 commenti

  1. Sony non sa più a cosa pensare, tanto prima o poi ogni protezione verrà sempre agirata. E cosi se dovrei prestare un gioco ad un mio amico? e il mercato dell’usato?si scavano la fossa da soli…

  2. mi sembra una cavolata, cioè se viene mio nipote a casa mia e io non ci sono non può giocare alla playstation ??? dai mi sembra una cosa inverosimile.. e poi al posto della chiavetta dongle farebbero gli occhi dongle ?? ahahahahha

  3. una cosa del genere non farebbe altro che riportare molti utenti al pc game o su altre piattaforme meno restrittive o addirittura open come OUYA (sempre sia coronata da successo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *