Home News Rilasciato GZDoom Switch port v6

[Scena Switch] Rilasciato GZDoom Switch port v6

131
0

GZDoom è un porting di ZDoom che introduce il supporto per la libreria renderer OpenGL, questa versione è stata rielaborata dal developer fgsfds per console Switch.

Oltre a Doom, ZDoom supporta Heretic, Hexen, Strife, Chex Quest e giochi creati dai fan come Harmony e Hacx. Questa nuova build prende base dalla versione 4.3.3 di GZDoom, permette di inserire comandi della console premendo e aumenta il numero di possibili PWAD nel launcher a 10.

Installazione

  • Per installare, decomprimere l’archivio gzdoom_nx_1.zip all’interno della cartella /switch, e inserire almeno un IWAD supportato (ad esempio Doom2.wad) in gzdoom/iwads/.  Per l’elenco completo dei file supportati da GZDoom, vedere il wiki.
  • Per eseguire, avviare GZDoom Launcher da HBMenu, è possibile avviare GZDoom da solo, ma per impostazione predefinita verrà eseguito l’ultimo IWAD riprodotto (o quello trovato nella cartella). 

Bugs noti

  • Quando si esce dal gioco tramite l’opzione Quit nel menu, qualcosa non funziona correttamente e il prossimo homebrew che si esegue si bloccherà, a meno che non si esce e non si rientri nuovamente in hbmenu.
  • L’avvio richiede un po’ di tempo.

Alcune note

  • Controlli di avvio:
    • – Navigazione.
    • o – Cambia scheda.
    • –  Attiva l’opzione.
    • – Annulla/esci.
    • – Opzione di reset.
    • –  inizia il gioco.
  • GZDoom (specialmente alcune mod più complesse) potrebbe richiedere più RAM di quella disponibile in modalità applet, quindi meglio utilizzare un altro titolo anziché l’album per HBMenu override, o utilizzare NSP HBMenu.
  • Puoi tecnicamente posizionare il gioco in qualsiasi cartella, a patto che la cartella gzdoom sia accanto al file gzdoom_launcher.nro;
  • Le mod sono supportate (sì, Brutal Doom) e dovrebbero essere posizionate nella cartella gzdoom/pwads perché il programma di avvio esegue solo la scansione di tale cartella;
  • Il programma di avvio ha profili predefiniti per la maggior parte degli IWAD, è possibile aggiungere i propri profili premendo nella scheda principale;
  • Il multiplayer è stato testato solo tra una Switch e un PC, ma la Switch <=> Switch probabilmente funzionerà anche;
  • Puoi avviare un netgame dal launcher; non dimenticare di cambiare il numero del giocatore da 1 e leggere il messaggio di avviso;
  • L’indirizzo IP inserito nel campo indirizzo per impostazione predefinita è l’IP locale della Switch, altri possono utilizzarlo per connettersi ad esso se si trovano sulla stessa rete;
  • Solo il giocatore che ospita il gioco deve impostare le impostazioni di gioco, tuttavia ognuno deve scegliere lo stesso insieme di file personalizzati come host;
  • Puoi uscire dal gioco tramite il pulsante HOME, ma in tal caso il gioco non salverà le sue impostazioni;
  • Se il gioco si blocca, controllare il file error.log all’interno della cartella /gzdoom; se ciò non aiuta, attivare “Write log” nel programma di avvio ed eseguirlo nuovamente, quindi controllare il file gzdoom.log.

Changelog

  • Fuso con le ultime modifiche a monte (4.3.3+).
  • Ora puoi inserire i comandi della console premendo nella console.
  • Aumento del numero di possibili PWAD nel launcher a 10.

Crediti

  • I team ZDoom + GZDoom e altri contributori per GZDoom;
  • fincs, Armada651, Subv e probabilmente altri per il loro lavoro sulla roba OpenGL/mesa/libdrm;
  • slash004, nabelo e altre persone da ReiSwitched Discord e #switchdev per assistenza e test;
  • id Software per Doom;
  • Mod e mappe in screenshot: Alien Vendettaabort_mHideous Destructor.

Download: GZDoom Switch port v6

Download: Source code GZDoom Switch port v6

Fonte: gbatemp.net

[Scena Switch] Rilasciato GZDoom Switch port v6 ultima modifica: 2020-02-04T20:37:45+01:00 da Francesco Lanzillotta
Articolo precedenteL’emulatore GPCS4 ora permette di eseguire un primo gioco commerciale della PlayStation 4 su PC
Articolo successivo[Scena PS3] Rilasciato emulatore FBNeo RL (Retro Loader)
Sono Nato nel 1980 e da diversi anni coltivo la passione per tutto ciò che riguarda il mondo dei videogiochi, ho vissuto l'era degli home computer con il Commodore 64 e l'Amiga 500, da sempre appassionato di giochi di ruolo e di titoli di avventura.