Prossimamente verranno introdotte funzioni di accessibilità per i non vedenti in retroArch

La prossima versione 1.8.2 del frontend retroArch introdurrà una serie di funzioni interessanti che renderanno l’emulazione accessibile anche ai non vedenti.

Questo articolo è stato redatto da Devin Prater, istruttore di tecnologie assistive certificate e Barry Rowe, collaboratore di servizi AI e accessibilità.

Background

Per decenni, i videogiochi hanno offerto intrattenimento per molte persone. I bambini hanno vissuto l’era di franchising iconici come Super Mario, Zelda, Final Fantasy e Castlevania. Le persone possono ragionevolmente contare sugli altri per capire il significato dietro i riferimenti dei videogiochi.

Per le persone non vedenti, tuttavia, questi giochi possono essere apprezzati solo attraverso la loro grande musica o leggendo romanzi e fanfiction.

Sono stati creati dei giochi audio, per riempire il vuoto dei videogiochi che non potevano essere giocati, alcuni ciechi hanno sfidato i giochi di combattimento memorizzando menu e attacchi speciali, ma i giochi audio erano pochi e in genere non avevano molti contenuti.

Emulazione

L’emulazione ha aiutato molte persone non vedenti a rivivere la loro infanzia giocando a giochi di combattimento. Con l’avvento dell’apprendimento automatico, tuttavia, i giocatori non vedenti ora potranno contare su di un altro strumento da aggiungere al loro arsenale: il riconoscimento ottico dei caratteri e l’estrazione di testo dalle immagini.

Essendo parte di molti screen reader, i non vedenti potrebbero usarlo per leggere menu, schermate di selezione dei personaggi e dialoghi non scritti.

RetroArch

RetroArch è il primo “emulatore” che ora offre Accessibilità ai non vedenti parlando dell’interfaccia. Insieme al servizio AI di sintesi vocale, RetroArch è diventato non solo il primo emulatore per implementare l’accessibilità per i non vedenti nei menu, ma anche nella lettura del testo di gioco.

Ciò non significa, tuttavia, che tutti i giochi saranno accessibili. Un cieco non può ancora portare Super Mario nel castello in Super Mario 64, né sconfiggere Lavos in Chrono Trigger, anche se forse si potrebbe probabilmente giocare a Radical Dreamers ora.

Sarà necessario molto più lavoro per rendere i videogiochi completamente accessibili ai non vedenti, rappresentando persino le barre della salute nei giochi di combattimento attraverso segnali sonori.

Tuttavia, l’accessibilità di RetroArch significa che gli utenti non vedenti di Windows, MacOS e Linux potranno godere dello stato dell’arte dell’accessibilità dei videogiochi attraverso l’emulazione.

Come abilitare l’accessibilità

Esistono due modi per abilitare l’accessibilità ai non vedenti in RetroArch. Il primo modo è accenderlo tramite il menu. Una volta avviato RetroArch, premere: a destra, quindi su per sette volte, quindi immettere (su alcuni sistemi questo potrebbe essere il tasto x), quindi a destra.

A questo punto dovresti sentire “Accessibility Enable ON”. In caso contrario, riavvia RetroArch e riprova. Questo metodo consente di navigare nel menu, che potrebbe cambiare nelle versioni successive, pertanto è necessario leggere i Documenti di accessibilità RetroArch per eventuali pressioni dei tasti aggiornate.

Il secondo metodo è abilitarlo tramite la riga di comando. Questo viene eseguito eseguendo l’eseguibile RetroArch (ad esempio: retroarch.exe) nella riga di comando o nel terminale.

Su Windows, ad esempio, una volta aperto il prompt dei comandi, dalla cartella di RetroArch digitare retroarch.exe –accessibility e dovresti sentire RetroArch Accessibility On. Main Menu Load Core.

Da lì è possibile navigare fino al sottomenu delle impostazioni, quindi in basso fino all’opzione Accessibilità, quindi attivare l’opzione Abilita accessibilità. Ora sarai in grado di avviare RetroArch con accessibilità dall’esterno della riga di comando come al solito.

Se queste opzioni non funzionano, è probabile che il sistema operativo in uso non abbia le librerie vocali o le voci richieste di cui RetroArch ha bisogno. Per Windows, RetroArch utilizza Windows Narrator, che puoi leggere come scaricare voci aggiuntive qui.

Su MacOS, utilizza il comando “say”, che puoi leggere come scaricare voci per qui. Su Linux utilizza invece Espeak. Per Ubuntu, puoi installare espeak digitando sudo apt-get install espeak e quindi sudo apt-get install espeak-data per le voci aggiuntive.

Utilizzo del servizio AI con accessibilità

Il servizio AI può utilizzare anche il narratore di accessibilità per la sintesi vocale. Questo può essere fatto andando nella sezione delle impostazioni del servizio di intelligenza artificiale e cambiando l’output del servizio di intelligenza artificiale in “Modalità narratore”.

Questo gestisce la sintesi vocale, ma il servizio di intelligenza artificiale deve comunque elaborare la schermata di gioco per ottenere quel testo.

Conclusione

Mentre le persone senza disabilità sono state in grado di giocare a migliaia di videogiochi, sia attuali che passati, i non vedenti non hanno avuto la possibilità di divertirsi, se non con più di una manciata di videogiochi.

Attraverso l’emulazione, questo sta cominciando a cambiare. I giochi che una volta erano giocabili solo se si potevano memorizzare menu e schermate di selezione stanno diventando accessibili usando la OCR, e altri saranno possibili attraverso il duro lavoro degli sviluppatori che potrebbero basarsi su queste basi per emulare videogiochi accessibili.

RetroArch è il primo centro di emulazione a fornire accessibilità all’interfaccia utente e un servizio di intelligenza artificiale per eseguire la OCR sui videogiochi, consentendo agli utenti non vedenti di tutti e tre i principali sistemi operativi desktop di divertirsi con i giochi di combattimento ora con la conoscenza di qualsiasi testo che appare sullo schermo.

Si spera che questo sia solo l’inizio di un grande progresso nell’accessibilità, con RetroArch che apre la strada a un’accessibilità ancora maggiore ai videogiochi per le persone non vedenti.

Fonte: libretro.com

(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *