[Scena Switch] Rilasciato Goldleaf v0.4

Goldleaf è uno strumento multiuso sviluppato dal developer XorTroll, simile per certi versi a Tinfoil, l’applicazione include diverse utility, come la navigazione NAND/SD, l’installazione di file NSP e la gestione di contenuti o ticket.

L’installazione di file .nsp può essere pericolosa. Lo sviluppatore consiglia di attivare sempre la modalità aereo se si vuole evitare di essere bannati dai server Nintendo. Pur avendo alcuni metodi per “prevenire” e limitare i rischi di essere bannati, non installare file NSP se si vuole essere sicuri.

Questo non significa comunque che anche i file .nsp ufficiali siano sicuri, qualsiasi tipo di file installato in modo non ufficiale (da applicazioni come Goldleaf o Tinfoil) comporta dei rischi.

Nonostante siano ufficiali, è sempre consigliabile installare solo file .nsp stdcrypto, questo tipo di file non ha bisogno di alcun ticket per funzionare correttamente. I titoli ufficiali dovrebbero essere re criptati, ma i file .nsp non ufficiali, come gli homebrew, sono già stdcrypto.

Accesso NAND

Con Goldleaf hai in parte pieno accesso a determinate partizioni della memoria della console. Questo può essere utile per esportare determinati file, ma può essere comunque pericoloso.

Potrebbe essere pericoloso eliminare file contenuti all’interno della NAND, in particolar modo i dati di salvataggio o i file .nca, eliminando questi file potreste portare la console in semibrick, difficile da recuperare, a meno che non si disponga di un backup della NAND.

Immagina di cancellare alcuni file eseguibili e/o librerie DLL dalla cartella /System32 di Windows. Bene, il risultato sarebbe abbastanza simile.

Rimozione ticket

I ticket sono il sistema utilizzato da Nintendo per gestire gli acquisti di giochi, ma tecnicamente forniscono la chiave per decifrare il titolo a cui appartengono.

Puoi rimuovere quelli installati da Goldleaf e importarli. L’installazione di un file .nsp di un titolo contenente un ticket importerà anche lo stesso ticket.

Nonostante non sia un grosso problema, rimuovere un ticket di un titolo che lo richiede lascerà il gioco ingiocabile, non importa se hai sigpatch o se si utilizza un determinato Custom Firmware. La console non riuscirebbe a trovare la chiave per decodificare il contenuto del titolo, quindi non potrebbe riprodurlo.

Icona dell’account personalizzata

Tramite Goldleaf è possibile impostare icone personalizzate per gli account utente della console. Questo potrebbe comunque portare al ban, è già successo a molte, molte persone. Se si desidera evitare il rischio di ban, non è consigliabile utilizzare questa funzione.

Caratteristiche principali

Browser di file e della memoria per la console e per la scheda SD

Browser di file semplici e facili da usare. A mio parere, una delle funzionalità più utili in Goldleaf. Solo un browser di file per la scheda SD o per alcune partizioni di memoria della console che fornisce comunque un supporto speciale per alcuni formati di file:

  • NSP (Nintendo Submission Package):
    • Questo è il formato ufficiale utilizzato da Nintendo per fornire contenuti installabili dai loro server CDN. Tecnicamente, è un file PFS (un semplice formato di file contenente al suo interno altri file) con contenuti NCA, a volte metadati XML e/o iconici (esportati da strumenti di pacchettizzazione ufficiali), un ticket e un certificato nel caso in cui il suo contenuto sia firmato con un titlekey (come i giochi ufficiali, i contenuti di sistema, mentre i contenuti homebrew presenti nei file .nsp non lo sono).
    • Goldleaf può installare i file .nsp nello stesso modo delle app ufficiali, come DevMenu.
    • Come avviso, non è consigliabile installare file .nsp nel caso in cui si intenda accedere online. L’installazione di contenuti da strumenti non ufficiali (come Goldleaf o il vecchio Tinfoil) può portare a ban permanenti dai servizi online e, in casi gravi, da qualsiasi servizio Nintendo, anche dall’aggiornamento della console o dei giochi. Installa file .nsp a tuo rischio e pericolo.
  • NRO (Nintendo Relocatable Object):
    • Ufficialmente viene trattato come un oggetto dinamico della libreria, simile alle librerie DLL su Windows. Questi file vengono caricati dinamicamente dalle applicazioni in fase di runtime.
    • Gli homebrew li utilizzano come file binari eseguibili perché possono contenere più sezioni di dati, possiamo quindi utilizzarli per caricare informazioni extra come .nacp (titolo, autore e versione), un’icona o anche dati RomFs per accedere al runtime.
    • Goldleaf ha la capacità di eseguire file .nro che si trovano sulla scheda SD. Tieni presente che questa funzione potrebbe causare un comportamento indefinito a seconda del file .nro in fase di avvio, pertanto ti preghiamo di verificare gli errori con alcuni file .nro.
  • NCA (Nintendo Content Archive):
    • Questo formato è il formato di base utilizzato dal sistema operativo Horizon per memorizzare il contenuto. Sebbene i formati menzionati in precedenza non richiedano alcun tipo di crittografia per poterli estrarre o utilizzare, i file NCA devono essere decifrate, quindi l’utente è tenuto a fornire le chiavi necessarie per estrarre il contenuto.
    • Le ANC hanno invece sezioni diverse e altre informazioni. Le due sezioni principali sono ExeFs e RomFs: Il filesystem ExeFs contiene i binari del codice NSO e un file di metadati NPDM, mentre i RomFs contengono diversi file a cui accedere dal titolo.
    • Alcune NCA potrebbero anche contenere una sezione speciale, che è la sezione 2. Questa sezione contiene i loghi PNG e GIF visualizzati in alto a sinistra e in basso a destra della console quando si avvia un titolo.
    • Le ANC non hanno necessariamente queste due sezioni. Il programma NCA, la base di qualsiasi applicazione o applet, conterrà un ExeFs e di solito un RomFs nel caso in cui si tratti di un gioco o di un titolo di sistema con risorse come le impostazioni o il menu Home.
    • Appart dal programma NCA contiene altri tipi di NCA: control NCA (NACP e icone), legalinfo NCA (manuali e informazioni HTML), offline NCA (documenti HTML nel caso in cui il titolo vuole caricarli) contenuto meta CNMT NCA (con titolo specifico informazione)…
    • Goldleaf ha incorporato hactool nel suo codice, quindi può estrarre le partizioni dai file NCA, se vengono fornite le chiavi necessarie.
  • NXTheme (tema del menu Home personalizzato):
    • Questo formato è sviluppato dal team Qcean, un formato per gestire il modding del layout del menu Home.
    • Goldleaf può installarli, ma deve avere i RomFs del Home Menu su sd:/goldleaf/qlaunch. Se vengono fornite le chiavi utilizzate con altre funzionalità, Goldleaf stesso individuerà i contenuti del qlaunch (titolo del menu Home) della console e li estrarrà in quella directory.
    • Dovrete riavviare la console con Custom Firmware dopo aver installato un tema per vedere le eventuali modifiche.
  • NACP (Nintendo Application Control Property):
    • Questo è il formato utilizzato da Nintendo per memorizzare diverse proprietà dei titoli installati, come il nome del titolo, la versione, il nome dell’autore e altre informazioni, come se il titolo supporti gli screenshot o le acquisizioni video.
    • Goldleaf può analizzare un file NACP e visualizzare alcune delle sue informazioni.
  • Immagini JPEG:
    • Nonostante non sia un formato specifico per Nintendo Switch, queste immagini hanno una caratteristica speciale, è possibile selezionare un JPEG per sostituire l’icona di un account con quel JPEG. QUESTA DEVE ESSERE OBBLIGATORIAMENTE DI 256×256! Tieni presente che questo è un modo davvero semplice per essere bannati dai servizi online.
  • Ticket e certificati:
    • I ticket (.tik) e i certificati (.cert) sono il formato utilizzato da Nintendo per fornire i dati di crittografia per titoli titlekey-crypto (giochi ufficiali).
    • I file NSP potrebbero contenerli e Goldleaf è in grado di installarli se si trovano nella scheda SD.

Il browser NAND ha quasi lo stesso supporto, ma si consiglia di utilizzarlo solo per esportare i file copiandoli sulla scheda SD, per evitare problemi. Goldleaf dovrebbe avvisare quando si eseguono comunque operazioni pericolose.

  •  – Seleziona un file per eseguire diverse opzioni o per sfogliare una directory.
  •  –  Seleziona una directory per eseguire diverse opzioni.
  •  –  Incolla il percorso degli appunti, se c’è qualcosa di copiato lì.
  •  –  Crea un nuovo file (vuoto).
  •  –  Crea una nuova directory.

Installer USB e Goldtree

I file .nsp possono essere installati utilizzando Goldtree tramite un dispositivo USB collegato alla console Switch, un client PC C# gestirà senza problemi tutte le installazioni. Tenete presente che le installazioni via USB sono instabili e talvolta potrebbero presentare problemi.

Content manager

Il Content manager di Goldleaf mostrerà qualsiasi tipo di contenuto all’interno della NAND, della SD o della cartuccia di gioco (anche i titoli di sistema).

Qualsiasi tipo di contenuto (titoli effettivi, aggiornamenti, DLC, ecc…) può essere rimosso singolarmente da questo menu. Tenete presente che l’eliminazione di un titolo non cancellerà anche lo stato di salvataggio, che dovrebbe comunque rimanere nel sistema.

I titoli (tranne quelli delle cartucce di gioco) potranno essere scaricati dalla SD/NAND come file NSP. Tenete presente che questa funzione è ancora sperimentale e che i titoli da 4 GB NON DEVONO essere scaricati con una scheda SD formattata in FAT32.

Ticket manager

Goldleaf può ottenere tutti i ticket installati sulla console. Mentre alcuni di essi conterranno il nome del titolo a cui appartengono, alcuni potrebbero appartenere al DLC o ad altri tipi di contenuti nonostante non appartengano direttamente a un titolo.

Selezionando il ticket è possibile visualizzare l’ID applicazione e la generazione della chiave, più se il ticket è in uso (se c’è un titolo che corrisponde all’ID dell’applicazione del ticket).

I ticket possono anche essere rimossi dalla console. Rimuovere i ticket può essere un’operazione pericolosa, poiché senza di essi, titlekey-crypto non sarà riproducibile.

Browser Internet

Goldleaf utilizza il titolo del browser interno della console (l’applet web online) per consentire all’utente di navigare nelle pagine Web.

Per le versioni dei titoli non installati, Goldleaf utilizza l’applet WifiWebAuth, che sfortunatamente ha meno funzioni, ma può essere utilizzata come browser.

Account Manager

Goldleaf è in grado di modificare diverse cose sugli account degli utenti, è possibile ad esempio modificare il nickname dell’utente, modificare l’icona (dai browser di memoria SD o della console, con immagini JPEG) ed eliminare l’account in modo permanente.

CFW e gestione dei temi personalizzati

Questa è principalmente una funzionalità utile per verificare quali Custom Firmware sono presenti sulla scheda SD e quali di essi hanno modifiche al menu Home, il che significa che probabilmente è stato installato un tema, è possibile eliminare qualsiasi modifica al menu principale di un determinato CFW dopo aver selezionato un CFW.

Informazioni sulla console

Con questa opzione, è possibile controllare la dimensione utilizzata della scheda SD, l’intera NAND e le diverse partizioni NAND. Visualizza anche la versione corrente del firmware della console.

About

Visualizza il logo di Goldleaf e se Goldleaf è in esecuzione come NRO da hbmenu o come titolo normale.

Controlli comuni

  •  o  –  Spostati attraverso il menu.
  •  –  Sposta (molto) velocemente attraverso il menu.
  •  o  – Mostra una finestra di dialogo per arrestare o riavviare la console.
  •  o  – [Solo NRO] esci dall’applicazione per tornare all’hbmenu.

Fornire le chiavi

Se fornisci un file con le diverse chiavi della Switch (comunemente denominate prod.keys o keys.dat) sarete in grado di fare qualcosa in più con Goldleaf (ricordatevi di inserirlo come sd:/switch/keys.dat, prod.keys, keys.txt o keys.ini).

A meno che non abbiate già scaricato RomFs (o Home Menu) di qlaunch (o almeno i file nella cartella /lyt) nella directory sd:/goldleaf/qlaunch, sarà necessario fornire il file chiave menzionato in precedenza con diverse chiavi, in modo che Goldleaf possa estrarre direttamente i RomFs dei contenuti del qlaunch della console per usarlo.

Hai la possibilità di estrarre contenuti NCA (ExeFs, RomFs o sezione 2), ma avrai bisogno anche delle chiavi precedentemente menzionate.

Installazione

Goldleaf può essere installato in due modi diversi, potrete scegliere di caricarlo come un normale homebrew via hbmenu come file binario NRO, o installate il file NSP come un normale titolo.

Ironicamente, avresti bisogno di installare il file NSP di Goldleaf via Goldleaf come file NRO (o vecchi programmi di installazione come l’originale Tinfoil).

Nient’altro è richiesto. Nessun file esterno o configurazione aggiuntiva sono necessari per poter eseguire correttamente Goldleaf come file NRO/NSP.

  • File binario NRO:
    • Basta posizionare il file NRO in qualsiasi punto della scheda SD (le persone solitamente scelgono di posizionare questi file all’interno della cartella /switch).
  • File NSP (titolo installabile):
    • Il titolo NSP di Goldleaf ha ID applicazione/ID titolo 050032A5CF12E000. (come un’ulteriore informazione)

Per poter installare il file NSP avrete bisogno di un’applicazione homebrew prima. La soluzione migliore sarebbe scaricare sia il file NRO che il file NSP e installare il file NSP tramite il file NRO.

Dopo averlo installato, dovreste essere in grado di eseguire Goldleaf come un normale titolo.

Prepararsi per le installazioni USB

Le installazioni USB richiedono alcune cose extra per essere disponibili:

  • Scaricare lo strumento Zadig da questo indirizzo.
  • Eseguire Goldleaf e selezionare l’opzione di installazione USB, con la Switch connessa al PC tramite un cavo USB-C.
  • Eseguire Zadig, selezionare il dispositivo del Nintendo Switch e installare da lì libusbK.

Installazioni Goldtree e USB

La comunicazione USB è leggermente diversa da quella di Tinfoil, quindi il vecchio script Python di Aluminium, Aluminium e altri strumenti non funzioneranno correttamente.

Goldtree chiede di scegliere un file NSP dopo aver stabilito una connessione con Goldleaf, il file verrà ricevuto e installato da Goldleaf.

Tenete presente che il supporto USB è un po’ instabile e talvolta potrebbe non riuscire. Ad ogni modo, dovrebbe funzionare la maggior parte delle volte.

Caratteristiche speciali

Goldleaf differisce su alcune caratteristiche a seconda che si sia caricato come file NRO o come titolo installato:

  • Goldleaf può essere chiuso tramite i pulsanti Più () o Meno () se è caricato come file NRO, ma dal momento che i titoli normali devono essere abbandonati dal menu Home, questa funzione non è disponibile come titolo.
  • Goldleaf disabilita il pulsante Home durante l’installazione di un file NSP se viene caricato come titolo, ma questa funzione non è disponibile come file binario NRO per motivi tecnici relativi alle applet.
  • Goldleaf non può lanciare i file binari NRO se è caricato come titolo per motivi tecnici. Possono essere lanciati solo da un altro file binario NRO.

Changelog v0.4

  • La nuova funzionalità di Atmosphère v0.8.3, il payload che si riavvia dalla console stessa, è supportata anche da Goldleaf ora! I file binari *.bin avranno un’opzione per essere lanciati come payload se viene rilevato Atmosphère in esecuzione.
  • Il vecchio title manager è stato rielaborato. Ora, può mostrare QUALSIASI tipo di contenuto che si trova in qualsiasi partizione, dagli archivi di dati di sistema a DLC, aggiornamenti e titoli regolari. Tutti loro possono essere rimossi individualmente.
  • Goldleaf ha la capacità di rilevare il Custom Firmware attualmente in esecuzione, che viene visualizzato nel menu CFW.
  • Ora il browser Web è accessibile anche se Goldleaf non è un titolo installato. Userà l’applet web WifiLogin, che ha alcune limitazioni, ma almeno è qualcosa.
  • Il montaggio dei contenuti (come la NAND durante la navigazione o i file NSP durante l’installazione) è stato rifattorizzato per ridurre al minimo i problemi del filesystem.
  • Alcune icone sono state cambiate: I file NRO ora hanno una nuova icona, i file NCA ora hanno la vecchia icona NRO …
  • L’esportazione di file NSP ora avvisa con titoli di 4 GB o superiori, per prevenire il rischio.
  • L’USB è stato migliorato con la sincronizzazione dei thread sperimentali, che sembra renderla più stabile.
  • Le installazioni regolari ora controllano le dimensioni libere.
  • I ticket mostrano se sono usati o meno, quindi quelli inutilizzati dovrebbero essere sicuri da rimuovere.
  • Entrambe le installazioni USB e normali interrompono se il titolo è già installato.
  • Correzioni minori e correzioni su testi e diverse opzioni.

Nota: Ora la versione installabile ha anche quei documenti di informazioni di supporto a cui puoi accedere dal menu HOME.

Changelog v0.3

  • Ora l’applicazione controlla che le cartelle di base all’interno della directory sd:/goldleaf vengano create prima di accedere a determinati menu.
  • I browser di file non aggiornano il contenuto della directory corrente dopo aver copiato un file poiché era inutile e causava un ritardo.
  • Questa versione di Goldleaf supporta libnx v2.0.0, che ha corretto alcuni bug con la USB, e ha anche aggiunto il supporto per la tastiera nativa.
  • Ora i file e le directory possono essere rinominati nei browser di file utilizzando la tastiera nativa.
  • Ora è possibile creare nuovi file o directory (i file saranno vuoti) premendo (per i file) o (per le directory) in un browser di file.
  • Ora la caratteristica stella, NSP dumping! Questo è abbastanza sperimentale e potrebbe essere instabile. Stai attento ad usarlo!
  • Un’altra partizione di memoria della console può essere sfogliata dalle altre tre: PRODINFOF.
  • Brevi informazioni sulle diverse partizioni vengono visualizzate quando si seleziona il browser di memoria della console.
  • Il percorso del file chiave è stato spostato da sd:/goldleaf/ a sd:/switch/, mentre gli altri homebrew utilizzano questo percorso.
  • Dopo aver rimosso i ticket non verrà visualizzata alcuna finestra di dialogo, il piè di pagina informerà invece del processo.
  • La parte superiore di Goldleaf è stata ridisegnata, con un mini-testo per il menu corrente (ad esempio directory corrente nella scheda SD o nei browser di memoria della console).
  • Viene visualizzata una finestra di avviso che seleziona l’installazione USB poiché al momento è abbastanza instabile.
  • Corretti piccoli bug con l’installazione NSP della scheda SD.
  • Ora la copia di file e directory ha una barra di avanzamento per seguire il processo di copia, invece di congelare l’interfaccia utente.
  • PROGRAMMA DI NAVIGAZIONE IN RETE! Sì, hai letto bene, Goldleaf è il primo strumento homebrew a fornire supporto per il browser interno della console.
  • Account Manager! Ora è possibile sostituire l’icona dell’utente, eliminarli o rinominarli. In ogni caso, la sostituzione dell’icona può essere pericolosa e portare al ban!
  • Ora non sono richiesti file cert per installare un ticket, nemmeno con installazioni NSP o installazioni USB. Goldleaf contiene direttamente il certificato pubblico.
  • Correzioni minori su diverse finestre di dialogo e testi.

Download: Goldleaf v0.4 (NRO)

Download: Goldleaf v0.4 (NSP)

Download: Goldtree v0.4 (eseguibile)

Download: Source code Goldleaf v0.4

(Visited 1 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *