[Scena Switch] Rilasciato Hekate – ipl (CTCaer mod v4.2)

Disponibile un nuovo aggiornamento di Hekate – ipl, il bootloader personalizzato introduce il supporto per il carattere jolly “*” per permetterci di analizzare e caricare tutti i file kip e kip1 all’interno di quella cartella.

Hekate non deve essere confuso con un Custom Firmware, hbmenu o qualsiasi altra cosa derivante dal sistema operativo Horizon OS (Switch OS).

Il bootloader personalizzato supporta le schede SD formattate in exFAT, SOLO se si è eseguito l’aggiornamento per la lettura del file system exFAT, non funzionerà sul sistema operativo Horizon OS o su qualsiasi homebrew.

Sommario

La mod CTCaer è basata su hekate – ipl di naehrwert. Hekate è fondamentalmente un bootloader personalizzato per Nintendo Switch con molte funzionalità avanzate.

Supporta tutte le schede SD (eccetto SDSC) e sceglie automaticamente se eseguire il dump in parti o meno, in base al tuo spazio libero e al file system della scheda SD.

Supporta il lancio di Custom Firmware nei seguenti aggiornamenti della Switch (tutti correnti):

  • Firmware 1.0.0.
  • Firmware 2.X.X (tutti).
  • Firmware 3.X.X (tutti).
  • Firmware 4.X.X (tutti).
  • Firmware 5.X.X (tutti).
  • Firmware 6.0.0 NEW!!

Viene fornito con molte funzionalità aggiuntive. Ad esempio puoi vedere i fusibili del SoC, le informazioni eMMC, le informazioni sulla scheda SD, ecc..

Caratteristiche principali

  • Lancia un Custom Firmware per TUTTI gli aggiornamenti correnti (1.0.0, 2.X, 3.X, 4.X, 5.X, 6.0.0).
  • Funzione Auto boot.
  • Supporto completo di Atmosphère con avvio di Exosphère.
  • Dumping parziale e automatico della memoria RAW eMMC.
  • Ripristina eMMC
  • Modalità di lavoro attiva su 1.0.0-2.X, 4.X-5.X-6.0.0.
  • …e molto altro.

Cartelle e file del Bootloader

Cartella o fileDescrizione
bootloaderCartella principale.
|__ bootlogo.bmpViene utilizzato quando è attiva la personalizzazione e non è stato trovato nessun logopath, può essere comunque saltato.
|__ hekate_ipl.iniConfigurazione principale del bootloader e voci di avvio.
|__ update.binSe più recente, viene caricato all'avvio. Per modchips. Può essere saltato.
bootloader/ini/Per file .ini individuali. Menu 'More configs...'. Supporto autoboot.
bootloader/sys/Per i moduli di sistema.
|__ libsys_lp0.bsoModulo LP0 (modalità sleep). Importante!
bootloader/payloads/Per i payload. Menu 'Payloads'. Autoboot supportato solo se incluso in un file .ini. Sono supportati tutti i CFW bootloader, gli strumenti, i payload Linux.
bootloader/libtools/Riservato in futuro.

Configurazione IPL

Hekate può essere configurato tramite il file hekate_ipl.ini (se presente sulla scheda SD). Ogni sezione rappresenta una voce di avvio, ad eccezione della sezione speciale ‘config’ che controlla la configurazione globale.

Ci sono quattro possibili tipi di voci. “[]”: Boot entry, “{}”: Caption, “#”: Comment, “newline”: .ini newline cosmetica.

Opzione di configurazioneDescrizione
autoboot=00: Disabilita,
#: numero della voce di avvio per l'avvio automatico.
bootwait=30: Disabilita (tenere premuto VOL- dopo l'iniezione per passare al menu. Disabilita anche bootlogo.),
#: Tempo di attesa per VOL- per accedere al menu.
customlogo=00: Utilizza di default il bootlogo di hekate
1: Utilizza bootlogo.bmp.
verification=20: Disattiva la verifica del backup/ripristino,
1: Scarso (basato su blocco, veloce e non affidabile al 100%),
2: Completo (basato su sha256, lento e affidabile al 100%).

Possibili combinazioni di chiavi e valori di inserimento

Opzione di configurazioneDescrizione
logopath={SD path}Se customlogo globale è 1 e logopath è vuoto, verrà utilizzata l'immagine di default bootlogo.bmp. Se invece logopath esiste, caricherà l'immagine bitmap specificata.
warmboot={SD path}Sostituisce il file binario del warmboot.
secmon={SD path}Sostituisce il binario del monitor di sicurezza.
kernel={SD path}Sostituisce il file binario del kernel.
kip1={SD path}Sostituisce o aggiunge il processo iniziale del kernel. molto può essere impostato.
kip1patch=patchnameAbilita una patch kip1. Specificare con più linee e/o come CSV. Le patch implementate adesso sono nosigchk, nogc.
fullsvcperm=1Disabilita la verifica SVC.
debugmode=1Abilita la modalità di debug.
atmosphere=1Abilita l'applicazione di Atmosphère.
payload={SD path}

Attenzione: solo su hekate - CTCaer mod v4.0
Inietta e lancia payload. Strumenti, Linux, CFW bootloader, ecc..

Guida sulle caratteristiche

Lancia il firmware

  • Utilizzato per avviare il Custom Firmware, in realtà si tratta di Atmosphere.
  • Al momento esiste un solo tipo di versione.
  • Quello, è usato per lanciare qualsiasi hbmenu o qualsiasi homebrew con il nome del file hbmenu.nro attraverso l’icona dell’album.
  • Verifica la presenza di sdfiles.zip di @tomGER.
  • Sostituisci hbmenu.nro con quello fornito qui o con l’ultima versione.

Opzioni di lancio

  • Questo menu ti permette di configurare le opzioni di avvio automatico.

Auto boot.

  • Scegliete quale Custom Firmware avviare automaticamente.

Boot time delay.

  • Tempo di attesa all’avvio per consentire l’accesso al menu del bootloader premendo VOL- (non aumentare il volume).

Custom boot logo.

  • Abilita l’uso di un logo di avvio personalizzato all’avvio automatico.
  • Se viene specificato un logo nella voce di avvio selezionata, verrà utilizzato
  • In caso contrario o se logo non è stato trovato, verrà utilizzato bootlogo.bmp.
  • Se non viene trovato nulla o il logo di avvio personalizzato è disabilitato, verrà utilizzato il logo incorporato di hekate.

Avviso: tutte le funzioni di backup/ripristino supportano la verifica. Questo significa che quando la barra diventa verde, hekate controlla che i dati scritti sulla scheda SD e i dati eMMC corrispondano.

Opzioni di verifica

  • Come descritto sopra, queste sono le opzioni per il backup e la verifica del ripristino.
  • Puoi disabilitarlo qui se vuoi. L’impostazione predefinita è piena.
  • Sparse: Controlla solo 4 byte ogni 128 byte. Questo è normalmente sufficiente per errori di blocco.
  • Full: Crea gli hash sha256 dei tuoi dati di backup sd ed eMMC e li confronta da byte a byte.

Backup eMMC BOOT0/1 (importante!)

  • Questo eseguirà il backup delle partizioni eMMC fisiche BOOT0 e BOOT, necessari per completare il tuo backup completo eMMC.

Backup eMMC RAW GPP (importante!):

Eseguiamo il backup dell’intera partizione generica dall’eMMC dello Switch. Questo include il sistema Switch e i file utente.

Questa è solo una delle 4 partizioni fisiche della eMMC. Gli altri sono BOOT0, BOOT1 e RPMB (non utilizzati). Poiché l’intero GPP è di 29,1 GiB (31,268,536,320 B), esistono diversi modi automatici per eseguirne il backup.

Il primo metodo prevede l’utilizzo di una scheda SD formattata in exFAT delle dimensioni di 32GiB* o superiore:

*Alcune schede da 32 GB hanno meno spazio disponibile rispetto ai 29,1 GiB richiesti, quindi potrebbero attivare il backup parziale.

Risoluzione dei problemi per quando si verifica un errore:

Ci sono alcuni casi in cui la scheda SD potrebbe generare degli errori, a causa di settori danneggiati o di I/O errati. In questi casi dalla versione 1.5 in su, questo strumento mostrerà un errore specifico, che dovrete correggere per scoprire perché.

Se l’errore non può essere risolto dovrete andare a forzare il backup parziale, creando un nuovo file chiamato partial.idx. Apritelo con un HEX editor e scrivere esattamente questi valori esadecimali: 00 00 00 00 (il rosso è l’LSB, perché Little-endianess).

La prossima volta che proverai ad eseguire la funzione Backup eMMC RAW GPP, lo strumento eseguirà il backup in parti da 2 GB.

Il secondo metodo invece ci permette di utilizzare un dispositivo che può essere sia in FAT32 che in exFAT e con uno spazio più piccolo di 29.1GiB:

Questo metodo attiverà in automatico il backup parziale. In questa modalità si avvierà il backup in parti da 2 GB o di 1 GB se si dispone di schede da 8 GB e più piccole.

Esegue il backup della eMMC, fino a quando non riempie tutta la scheda SD. Utilizza anche un file chiamato partial.idx, quindi sa quale è la parte successiva del backup. Al termine vedrete apparire sullo schermo un messaggio simile (anche se scritto in inglese, lo abbiamo tradotto comunque).

  1. Al termine della sessione, premere un tasto qualsiasi e spegnere o riavviare rcm (se si desidera saltare il passaggio 3) Passare dal menu principale
  2. Spostare i file dalla scheda SD al PC per liberare spazio.
  3. Non spostare il file partial.idx! Questo file, mantiene le schede su cui si trova la parte successiva del backup.
  4. Scollegare e ricollegare il cavo USB mentre si preme Vol+ (salta se si è riavviato in rcm dal menu principale di hekate).
  5. Eseguire nuovamente hekate_ctcaer_1.5.1.bin e premere Backup eMMC RAW GPP per continuare con le parti successive.
  6. Ripetere i passaggi 1-4 finché non avrai tutti i 15 file da 2 GB o 30 da 1 GB.
  7. Unisci i file dal prompt dei comandi o con l’app preferita, puoi anche scegliere di utilizzare gli script forniti.

Per il passaggio 6, ci sono anche alcuni script all’interno di un file .zip, forniti nel link di download qui sotto. Scegliere quello corretto in base alle dimensioni delle parti (15 x 2GB or 30 x 1GB) e in base al tuo sistema operativo.

Nota 1: gli utenti che dispongono di una scheda SD da 8 GB e meno, eseguiranno automaticamente il backup con parti da 1 GB.

Nota 2: se si dispone di un backup parziale incompleto e si desidera ricominciare da capo, eliminare prima il file partial.idx.

Avvertenza: Quando si esegue il backup della eMMC, in alcune parti, non è necessario accendere la switch normalmente e avviare il sistema operativo prima di eseguirlo. In caso contrario, il backup terminato verrà probabilmente danneggiato, poiché Switch OS scrive sulla eMMC anche se sembra che tu non abbia fatto nulla.

Risoluzione dei problemi per quando si verifica un errore:

In questa modalità, è più semplice saltare l’area problematica della scheda SD.

  1. Prima provate ad eseguire nuovamente Dump RAW eMMC. Proverà a continuare dall’ultima parte che stava tentando di eseguire il backup.
  2. Se questo non funziona, spostate i file già salvati sul tuo PC, senza cancellare o spostare il file partial.idx.
  3. Eseguite nuovamente Backup eMMC RAW GPP per avviare il backup.

Puoi colpire queste aree problematiche della scheda SD. In questo caso, risciacquare e ripetere i passaggi precedenti, mantenendo sempre il file partial.idx così com’è.

Avviso sugli errori: se gli errori persistono, provare ad eseguire una formattazione a basso livello (completa) o provare ad eseguire chkdsk /f /r /x Z: (dove Z è la lettera dell’unità).

Backup eMMC SYS (non necessario se hai già eseguito il backup RAW eMMC):

La partizione fisica General Purpose, contiene diverse partizioni GPT. Utilizzando questa opzione, è possibile eseguire il backup di tutte queste partizioni, ad eccezione di USER, come file separati.

Backup eMMC USER (non necessario se hai già eseguito il backup RAW eMMC):

Come descritto sopra, questo eseguirà il backup della partizione USER dalla partizione General Purpose di eMMC.

Ripristina GPU eMMC RAW (pericoloso!):

Non usarlo se non sai cosa stai facendo! Nessuno sara reso responsabile per problemi con il tuo dispositivo, è necessario attendere 10 secondi prima di iniziare il ripristino premendo POWER.

Questa funzione ci permette di ripristinare la partizione generica eMMC di eMMC. Se hekate trova /Backup/Restore/rawnand.bin, lo ripristinerà e lo verificherà.

Se non lo trova, non farà nulla invece. Per ora supporta solo exFAT. Nessun ripristino parziale.

Ripristina eMMC BOOT0/1 (pericoloso!):

Non usarlo se non sai cosa stai facendo! Nessuno sara reso responsabile per problemi con il tuo dispositivo, è necessario attendere 10 secondi prima di iniziare il ripristino premendo POWER.

Questa funzione ci permette di ripristinare le partizioni eMMC BOOT0 e BOOT1. Ripristina solo i file in /Backup/Restore/BOOT0 e /Backup/Restore/BOOT1.

Se non lo trova, non farà nulla invece.

Ripristina le partizioni GPP eMMC (pericoloso!):

Non usarlo se non sai cosa stai facendo! Nessuno sara reso responsabile per problemi con il tuo dispositivo, è necessario attendere 10 secondi prima di iniziare il ripristino premendo POWER.

Questa funzione ci permette di ripristinare le partizioni GPP eMMC. Ripristina solo i file che si trovano nella directory /Backup/Restore/Partitions/*

Qualsiasi file che non viene trovato, viene saltato. La partizione USER richiede exFAT.

Dump package1:

Questa funzione scarica e decodifica il package1 da BOOT0. Ne ricava anche i binari per il monitoraggio sicuro e di warmboot.

La funzione precedente è destinata all’utilizzo da parte degli sviluppatori.

Fix SD files attributes:

Questa funzione disabilita il bit di archivio in tutti i file delle schede SD. Se si hanno problemi nella visualizzazione degli homebrew, usare questa caratteristica.

Fix battery de-sync:

Questa funzione corregge la mancata configurazione del monitor della batteria scarica al PMIC max77160, prodotta dalle build di linux. La correzione è istantanea e dopo puoi avviare direttamente Horizon OS.

AutoRCM (pericoloso!):

L’AutoRCM, noto anche come briccmii, si basa sulla seconda revisione di AutoRCM sviluppato dal developer @Reisyukaku e che corregge in modo intelligente la configurazione di avvio nella partizione BOOT0.

Questa funzione permette all’utente di accendere e riavviare la console Switch sempre in modalità RCM, e senza la necessità di un jig.

Poiché scrive nell’eMMC, è considerato un’operazione pericolosa e deve essere utilizzato con cautela e solo se necessario.

Avvertenza: le varie soluzioni AutoRCM sono incompatibili tra di loro. Ciò significa che se si è utilizzato AutoRCM v2, è necessario utilizzare di nuovo lo stesso per ripristinarlo. Non un’altra soluzione.

Print fuse info:

Questo funzione stampa i fusibili di Tegra X1 sullo schermo. Include anche un’opzione per scaricarli sulla scheda SD, in modo da poterli esaminare più facilmente.

Print kfuse info:

Questa funzione stampa i kfuses di Tegra X1 sullo schermo. Include anche un’opzione per scaricarli sulla scheda SD, in modo da poterli esaminare più facilmente.

Print TSEC keys:

Questa funzione stampa le chiavi del tuo coprocessore di sicurezza Tegra X1 sullo schermo.

Print eMMC info:

Questa funzione stampa le informazioni della eMMC.

Da qui è possibile visualizzare molte informazioni, come la velocità massima consentita, il produttore e il modello, tutte le partizioni fisiche, tutte le partizioni GPT, ecc..

Print SD Card info:

Questa funzione stampa le informazioni attuali della scheda SD.

Da qui è possibile visualizzare molte informazioni, come le classi di velocità massima e i gradi di velocità consentiti, il produttore e il modello, lo spazio utente totale, lo spazio libero, la dimensione del cluster, ecc..

Print battery info:

Visualizza a schermo molte informazioni che riguardano la batteria (Battery Charger IC e Fuel Gauge IC).

Avvertimento: Non dimenticare la console Switch in modalità RCM. Questa caratteristica tende a scaricare rapidamente la batteria se non connessa al cavo di alimentazione.

Se la batteria si scarica, lasciarla caricare nella modalità normale (icona rossa in alto a sinistra) per circa 20-30 minuti, meglio rimuovere anche la scheda SD, se si dispone di payload/homebrew/eMMC, perché si avvierà nel sistema operativo Horizon.

Changelog v4.2

  • Supporta il carattere jolly “*” nelle chiavi kip1.
    • L’utilizzo di <folder>/* ora ci permette di analizzare e caricare tutti i file kip e kip1 all’interno di quella cartella.
  • Aggiunta l’opzione per abilitare/disabilitare lo spegnimento automatico della HOS.
    • Se non si utilizza un modchip/dongle, questa caratteristica potrebbe risultare fastidiosa. Options -> Auto HOS power off per disabilitare.
  • Consente l’annullamento del processo di verifica.
    • Ora è possibile annullare il processo di backup e verifica. Se la fase di backup è terminata, l’annullamento nella verifica manterrà i tuoi file.
  • Alcuni piccoli bugfix e supporto certo per alcuni Custom Firmware nelle versioni di stock.

Avvertenza: le opzioni di ripristino sono PERICOLOSE! Non usatele se non si sa cosa si sta facendo realmente! Nessuno è responsabile per le tue azioni!

Download: Hekate – ipl (CTCaer mod v4.2)

Download: joiner_scripts_for_windows_linux_macos.zip

Download: Source code Hekate – ipl (CTCaer mod v4.2)



Source : github.com

(Visited 1 times, 1 visits today)

4 commenti

  1. Complimenti ottima guida, molto dettagliata.
    Solo una domanda, perché come citato da te:
    “Print TSEC keys:
    Questa funzione stampa le chiavi del tuo coprocessore di sicurezza Tegra X1 sullo schermo.”
    Anziché dare la possibilità di effettuarne una copia sulla sd?
    Si può risolvere in qualche maniera a parte creare manualmente un file con i codici?
    Grazie, sperando tu possa darmi una risposta.

    1. Ciao, puoi anche utilizzare biskeydump, vedrai sempre le chiavi stampate sullo schermo, ma insieme alle chiavi verrà visualizzato anche un codice QR, potrai scansionarlo con un applicazione sullo smartphone e copiare le chiavi direttamente da lì in un file di testo, puoi scaricarlo da qui: https://files.sshnuke.net/biskeydumpv6.zip

  2. grazie mille, ha funzionato perfettamente.
    Poi ho visto che con l’ultima versione hekate 4.2 mi lascia effettuare anche la creazione del file io stavo erroneamente usando la 3.1 che faceva solo il print a video.

  3. ciao scusami ma ho bisogno di aiuto
    ho un dongle r4s avvio regolarmente athmosphere su fw 6.2 ma ogni volta devo usare il jig non ho capito come devo fare per eliminare il jig non so come applicare questo autoboot in RCM mode mi potresti aiutare? grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *