Redsn0w si aggiorna alla versione 0.9.11b1 consentendo il downgrade

Come annunciato qualche giorno fa, il Dev-Team, ha rilasciato un nuovo aggiornamento per quanto riguarda Redsn0w, giungendo così alla versione 0.9.11b1, aggiungendo la possibilità di eseguire il downgrade di tutti i dispositivi, compresi iPhone 4S, iPad 2 e il nuovo iPad.

Di seguito il post pubblicato pochi minuti fa sul blog ufficiale del Team.

I possessori di dispositivi precedenti all’iPad 2 saranno sempre in grado di effettuare il downgrade (con i certificati SHSH) alle versioni precedenti del firmware grazie all’exploit Limera1n di Geohot, che ci permette di bypassare le restrizioni poste da Apple per i ripristino. Ma fino ad ora questa possibilità è stata concessa solo ai dispositivi A4 e precedenti.

A partire dalla versione 0.9.11b1 di Redsn0w, anche i nuovi dispositivi (iPad2, iPad3 e iPhone4S) possono effettuare il downgrade ad una versione precedente di iOS 5. Si tratta di una svolta epocale rispetto alle precedenti versioni di Redsn0w, dato che ora il programma ripristina direttamente l’IPSW sul dispositivo. La prima utilità di questa nuova funzione è rappresentata da un hack che permette il downgrade dei dispositivi A5 senza aver bisogno di un exploit a livello di bootrom.

Non è possibile effettuare il downgrade senza i certificati SHSH personalizzati per il proprio dispositivo. È necessario aver recuperato questi files mentre Apple firmava ancora le vecchie versioni di iOS, utilizzando la funzione TSS di Cydia oppure con TinyUmbrella. La nuova schermata di ripristino di Redsn0w consente di selezionare i certificati in locale oppure in remoto (per per il firmware che si intende ripristinare). Se non sapete come impostare i certificati salvati con TinyUmbrella, dovete sapere che questo programma dispone di un pulsante che vi permetterà di visualizzare la posizione dei suddetti file, consentendovi anche di copiarli da quella cartella ed inviarli a Redsn0w.

Il metodo per il downgrade dei dispositivi A5 alle versioni precedenti del firmware aggiorna ugualmente la baseband del vostro iPhone alla versione più recente. Pertanto, se possedete di un dispositivo SIM-locked, non utilizzate questo metodo. Coloro che hanno utilizzato la tecnica temporanea “SAM” per sbloccare il loro iPhone in modo da utilizzare SIM specifiche, non dovrebbero essere interessati da questo aggiornamento della baseband.

Questo metodo per il downgrade può essere ostacolato da Apple con un aggiornamento del firmware. Il fatto che non sia stato risolto già in precedenza – con iOS 5.1.1 – resta un (piacevole), perché con un reverse-engineering della ramdisk si capisce che ne sono al corrente. Forse è una vulnerabilità di nicchia che in questo momento non hanno voglia e tempo di risolvere.

I dispositivi meno testati con questo metodo per il downgrade sono l’iPad 2 e il nuovo iPad (perché non possediamo questi modelli). Se lo fate e avete voglia di sperimentare, fateci sapere come è andata l’operazione lasciando un commento sul nostro blog!

Questo aggiornamento introduce tantissimo nuovo codice in Redsn0w. Si consiglia di attenersi alla versione precedente a meno che non si voglia provare questa nuova release solo per il downgrade dei dispositivi citati, almeno fino a quando tutti i bug non saranno risolti! (Nota: se Redsn0w si blocca in fase di “Waiting for device” per più di 30 secondi, si tratta di un bug fastidioso dell’interfaccia grafica che verrà risolto in una prossima versione).

Naturalmente tutti gli occhi sono puntati su Pod2G e sul suo prossimo jailbreak untethered per iOS 5.1. Date uno sguardo al suo blog o al suo profilo Twitter per gli aggiornamenti più recenti a riguardo, ma nel frattempo, se avete aggiornato accidentalmente il vostro dispositivo jailbroken A5 ad un firmware successivo al 5.0.1, sentitevi liberi di provare questa nuova funzione di Redsn0w per il downgrade di iOS 5 sui dispositivi A5!

 

Di seguito vi riportiamo le versione del Tool:

Enjoy!
(Visited 32 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *