Rilasciato RetroArch v1.6.7

A pochi giorni di distanza dalla versione 1.6.6, il team Libretro pubblica una nuova release correttiva del frontend retroArch, l’emulatore multi piattaforma in questa versione, tra le tante novità corregge un bug nella scansione dei file e delle directory.

Le modifiche, così come anche le caratteristiche sono le stesse affrontate nella precedente versione 1.6.6 di retroArch, né più né meno.

Changelog

  • SCANNER: Corretta la scansione delle directory.
  • SCANNER: Corretta la scansione dei file.
  • COMMON: Corretta l’opzione ‘Disk Image Append’.
  • FREEBSD: Correzioni di compatibilità per il driver della videocamera Video4Linux2.
  • GUI: (MaterialUI) Aggiunta l’immagine del disco nelle icone.
  • GUI: (MaterialUI) Migliorato l’avvolgimento delle parole quando le icone del menu sono abilitate .
  • GUI: (MaterialUI) Aggiunta interfaccia utente -> Aspetto -> Icone del menu, è possibile attivare/disattivare le icone sul lato sinistro delle voci del menu (attivare Mostra settaggi avanzati per visualizzare la voce).
  • GUI: ottimizzazioni delle prestazioni per il driver di menu XMB – calcola solo gli elementi visibili.
  • LOCALIZZAZIONE: Aggiornata la traduzione italiana.

Changelog Core

  • Picodrive ora dovrebbe lavorare nuovamente su Android dopo gli aggiornamenti di notaz.
  • Il rendering OpenGL di Beetle PSX dovrebbe lavorare su diverse GPU AMD grazie agli sforzi di rz5. C’erano precedentemente alcuni problemi di schermo nero su certe GPU non Polaris AMD.
  • Beetle PSX – Corretti alcuni bug fisici (gli aggiornamenti della geometria avevano larghezza e altezza massima non impostati, da albertofustinoni).
  • Beetle Saturn – Corretto un bug quando si scarica il gioco lasciando il core inutilizzabile (da albertofustinoni).
  • Beetle Supergrafx – Aggiunto turbo on/off per la modalità a due pulsanti (da retrowertz).
  • Prosystem – Aggiornamenti della tavolozza dei colori NTSC e aggiornamenti DB (per baseball).

Download: RetroArch v1.6.7



Source : libretro.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *